Avezzano: Lectio Magistralis del professore marsicano Letta al Castello Orsini



Avezzano – Sabato 14 Aprile alle ore 11, presso il Castello Orsini di Avezzano, ci sarà una Lectio Magistralis tenuta dal professore Cesare Letta dal titolo “Scandire il tempo all’ombra del Velino: il calendario e la serie dei consoli romani nei Fasti dipinti di Alba Fucens”, alla quale presenzieranno numerose Autorità locali, tra cui i rappresentanti dell’amministrazione comunale di Avezzano.

Un’occasione unica per ascoltare il racconto delle nostre origini da una personalità di spicco nel panorama culturale italiano e internazionale. Il professor Cesare Letta, personaggio di spicco nel panorama culturale non solo marsicano, ma anche nazionale, è nato ad Avezzano nel 1944, ed è stato nominato ordinario di Storia romana all’Università di Pisa nel 1983.

Nel corso della sua carriera è stato vicedirettore e direttore del dipartimento di Scienze storiche del mondo antico e vicepresidente della facoltà di Lettere e Filosofia, e a metà degli anni Ottanta ha fatto parte della Commissione di Ateneo per l’istituzione dei dipartimenti. Tra i numerosi incarichi, dal 1975 è subentrato a Paolo Enrico Arias come Direttore della Missione Archeologica dell’Università di Pisa a Collelongo (AQ), dove ha condotto numerose campagne di scavo a partire dal 1968.

Dal 2004 al 2012 è stato rappresentante della Facoltà di Lettere e Filosofia nel Polo Universitario Penitenziario, nato da un accordo tra Regione Toscana, Amministrazione Penitenziaria e Università di Pisa, e in questo quadro ha organizzato per diversi anni cicli dei “Seminari al Don Bosco”, all’interno del carcere di Pisa. Dal luglio 2005 è Direttore della rivista “Studi Classici e Orientali”, pubblicata dai dipartimenti di ambito antichistico dell’Università di Pisa. Dal febbraio 2013 fino al 31 ottobre 2014 ha coordinato il gruppo di ricerca pisano nell’ambito del Progetto PRIN “Città e municipi dell’Italia romana nell’era digitale”.
Nel 1999 è stato insignito dell’Ordine del Cherubino dall’Università di Pisa.




Leggi anche

Lascia un commento