Avezzano, gli alunni dell’istituto “E. Fermi” ricevono l’attestato per la partecipazione al “Rally Matematico Transalpino”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Nella mattinata di venerdì 19 Febbraio 2021 le classi prime della scuola secondaria di primo grado E. Fermi hanno ricevuto l’attestato ed alcuni gadget a seguito della partecipazione nello scorso anno scolastico al “Rally Matematico Transalpino”.

La partecipazione dei ragazzi è stata coordinata da tutti gli insegnanti di matematica della scuola. Agli alunni è stata richiesta la risoluzione di diversi problemi di matematica con soluzioni plurime e di motivare ed argomentare il risultato al quale sono pervenuti. 

Uno degli aspetti caratteristici di questa competizione è il lavoro di gruppo degli alunni che, con l’aiuto e la supervisione degli insegnanti, hanno avuto l’occasione di scambiare punti di vista e potenziare l’apprendimento mediante un incentivo allo sviluppo delle capacità cognitive. Lavorare insieme e confrontarsi ha consentito loro di viere un momento di aggregazione che quest’anno a causa della pandemia in corso non potrà ripetersi.

La correzione dei problemi viene effettuata collegialmente da tutti gli insegnanti promuovendo in questo modo un costruttivo confronto anche tra i docenti. 

Il Rally Matematico Transalpino si svolge in Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo e Svizzera. Possono partecipare gli alunni dalla terza elementare al secondo anno di scuola secondaria di secondo grado ed è organizzato dalla “Associazione Rally Matematico Transalpino” (ARMT) nello statuto della quale si legge:“l’ARMT è un’associazione culturale il cui obiettivo è promuovere la risoluzione di problemi per migliorare l’apprendimento e l’insegnamento della matematica tramite un confronto fra classi e contribuire alla formazione degli insegnanti e alla ricerca in didattica della matematica tramite le sue analisi e i suoi dati raccolti nel campo della risoluzione di problemi”. (R.F.)