Avezzano: “Da tre mesi un palo della pubblica illuminazione in piazza è danneggiato e non viene riparato”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Da tre mesi un palo della pubblica illuminazione in una delle piazze più importanti della città è danneggiato e non viene riparato. E’ quanto denuncia Augusto Di Bastiano, presidente del Centro Giuridico del Consumatore.

“Uno dei due lampioni della pubblica illuminazione – scrive – situato nella piazza antistante la chiesa di Santa Maria Goretti (Borgo Pineta) è stato danneggiato nel mese di novembre, probabilmente da un’auto ed è ancora in quelle condizioni. Sta di fatto che una delle piazze più importanti della città viene trascurata: a dicembre tutti si affannavano a parlare del costo delle luminarie in piazza Risorgimento e nessuno è stato capace di riparare il lampione della piazza,fortunatamente gli abitanti di Borgo Pineta sono riusciti a festeggiare il Natale anche senza lampione,ma la Pasqua è prossima e sono fiducioso che l’amministrazione ce la farà”.

“Il palo danneggiato – tuona Di Bastiano – è la riconferma dell’assenza di un servizio manutenzione in città. Breve storia dell’affidamento del servizio di gestione integrale e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione,la gara fu aggiudicata nel 2011 al   raggruppamento temporaneo d’imprese COFRLY ITALIA s.p.a. – SARIDUE srl Importo annuo 531.900.00 € con un ribasso d’asta 1,50% più oneri di sicurezza per €10.000,00 non soggetti a ribasso ed iva al 10% per 25 anni naturali e consecutivi a decorrenti dalla data del verbale di consegna. Il totale annuo è di € 595.100.00 ,canone che viene aggiornato annualmente. I pali danneggiati per convenzione, previo pagamento extra appalto li ripara la ditta che gestisce la pubblica illuminazione, tranquilli  abbiamo 25 anni di tempo per efficientare  la pubblica illuminazione e renderla sempre più funzionale anno dopo anno”.




Lascia un commento