Avezzano: caso LFoundry, Angelucci (CPI): “urge chiarezza su mancati rinnovi contrattuali”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano, 21 Settembre -CasaPound chiede chiarezza riguardo gli ennesimi mancati rinnovi contrattuali per i lavoratori di LFoundry. “Già a Maggio scorso 120 lavoratori interinali si erano visti portare via il lavoro e ad altri 1500 erano toccate le ferie forzate, ora per altri 50 dipendenti il contratto non è stato rinnovato” dichiara Mario Angelucci, responsabile di CasaPound nella Marsica.

La sensazione è che l’azienda si stia piano piano liberando dei lavoratori per chiudere o delocalizzare. LFoundry è una delle principali fonti di occupazione per il nostro territorio e se chiudesse migliaia di persone si ritroverebbero per strada. Inoltre è inaccettabile che, come di fatto è successo, le comunicazioni di licenziamento siano arrivate agli interessati tramite messaggi whatsapp. È evidente che in un mondo ultra capitalistico dove contano solamente i guadagni le persone siano diventate l’ultima ruota del carro, talmente inutili da non meritare nemmeno una comunicazione verbale per la perdita del proprio lavoro“.

Chiediamo dunque – conclude Angelucci – che venga fatta chiarezza sulla vicenda, CasaPound sarà sempre dalla parte dei lavoratori e se sarà necessario scenderemo in piazza per difendere i diritti dei Marsicani onesti“.




Lascia un commento