fbpx
sabato, 27 , Febbraio

“L’Eccellenza deve ripartire”, il gruppo social fa rumore nelle stanze dei vertici calcistici

Rimbalzo di responsabilità tra gli alti vertici del calcio, che ancora, dopo 4 mesi, si interrogano sulla ripresa dell'Eccellenza, non arrivando mai ad una...

Prima pagina

Attiva piattaforma per vaccinazione anti-Covid 19 per il personale scolastico. Blasioli: “problemi per i nidi d’infanzia”

Abruzzo – E’ attiva da ieri mattina la piattaforma telematica per l’acquisizione delle manifestazioni di interesse alla vaccinazione contro il Covid 19 per il personale scolastico. Lo comunica l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì.

Come stabilito dalle linee guida ministeriali, potrà aderire alla campagna il personale docente e non docente delle scuole e delle università abruzzesi. In questi primi giorni l’inserimento della propria manifestazione di interesse sarà consentito solo a utenti residenti in Abruzzo, che potranno accedere – come di consueto – utilizzando il proprio codice fiscale e la tessera sanitaria (a breve sarà attivo anche l’accesso via Spid). Sarà necessario disporre anche del codice meccanografico dell’istituto in cui si presta servizio. Dalla prossima settimana, invece, potranno accedere anche insegnanti residenti in altre Regioni, che lavorino in un istituto scolastico o università abruzzese.

La piattaforma per il personale scolastico – allestita in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale – resterà in funzione fino al prossimo primo marzo, salvo proroghe. E’ raggiungibile collegandosi al portale Sanità della Regione Abruzzo (sanita.regione.abruzzo.it). Come per le precedenti fasce di popolazione coinvolte, l’adesione è volontaria, non vincolante e la priorità nella successiva fase di somministrazione del vaccino non sarà definita dall’ordine cronologico delle manifestazioni di interesse.

Nel frattempo, prosegue parallelamente la raccolta delle manifestazioni di interesse alla vaccinazione per gli over 80, disabili e soggetti fragili. Ad oggi sono oltre 102mila le adesioni raccolte, già trasferite alle Asl di competenza per l’organizzazione delle somministrazioni sulla base delle indicazioni contenute nelle ultime linee guida ministeriali e sulle dosi e tipologie di vaccini man mano disponibili (le quantità vengono recapitate settimanalmente alle Asl e variano di volta in volta). Le vaccinazioni hanno già preso il via in alcune aree della Asl di Teramo, mentre da lunedì 15 saranno a regime su tutto il territorio regionale.

A stretto giro, però, giunge la segnalazione di una sorta di “bug” nella piattaforma messa a punto. Il Consigliere regionale del PD, Antonio Blasioli, infatti, ha inviato una nota indirizzata all’Assessore Regionale alla Salute Nicoletta Verì e al Direttore del Dipartimento Sanità della Regione Abruzzo Claudio D’Amario per segnalare un problema che riscontrano alcuni utenti del personale docente e non docente sulla piattaforma telematica per l’acquisizione delle manifestazioni di interesse alla vaccinazione contro il Covid 19 per il personale scolastico.

Tra i dati richiesti da inserire c’è il codice meccanografico dell’istituto in cui si presta servizio: “Ho segnalato all’assessore Verì e al direttore D’Amario che i nidi d’infanzia sia pubblici che privati non possiedono tale codice e quindi il personale che lavora in queste strutture educative destinate ai più piccoli (bimbi dai 0 ai 3 anni) e che è quotidianamente esposto al rischio sanitario, non riesce ad iscriversi sulla piattaforma.

Ho dunque chiesto di prevedere e predisporre con celerità una modalità di iscrizione sulla piattaforma che ovvii al dato del codice meccanografico mancante, consentendo anche a questo personale l’inserimento della propria manifestazione di interesse alla vaccinazione contro il Covid 19.

La pandemia purtroppo sta facendo vivere con grandi difficoltà la quotidianità educativa ai bambini, soprattutto più piccoli, e nonostante il mondo dell’educazione e dell’infanzia abbia al suo interno un’organizzazione molto attenta, in questo periodo la preoccupazione è massima; ecco perché occorre risolvere ogni criticità che si presenta per garantire a tutto il personale la possibilità di potersi vaccinare, per far fronte alle necessità dettate dall’emergenza sanitaria e tutelare la sicurezza degli educatori, dei bambini e delle loro famiglie”.

Latest Posts

Ultim'ora