Arrestato un giovane per atti persecutori e tentata violenza sessuale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’Aquila – Nella mattinata odierna, personale del Comando Stazione Carabinieri di L’Aquila ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare  in  carcere, per i reati di  atti persecutori e  tentata violenza sessuale, emessa dal GIP  del Tribunale di L’Aquila nei confronti di un 31enne del luogo.

Le indagini iniziavano  nello scorso mese di agosto, a seguito della denuncia sporta presso la Stazione CC di L’Aquila da un altro giovane , il  quale riferiva  ai militari di aver avuto contatti con uno sconosciuto su un sito d’incontri. Lo sconosciuto da subito aveva iniziato ad assillarlo con comunicazioni minacciose, facendogli intuire la propria pericolosità, allo scopo d’indurlo ad avere un incontro a scopo sessuale. Da subito lo sconosciuto era apparso al giovane molto determinato ad incontrarlo. 

Il 31enne aquilano  lasciava intendere alla  vittima che ben conosceva dove abitasse  con la sua famiglia, a cui avrebbe potuto fare del male. Pertanto, la vittima si era presentata  ai militari  in uno stato di  ansia  temendo  seriamente per la propria incolumità e per quella dei  familiari. Già in sede di denuncia si procedeva all’individuazione della persona indagata attraverso un riconoscimento fotografico, sottoponendo alcune fotografie al giovane che riconosceva, senza ombra di dubbio, la persona della quale aveva visto e memorizzato il volto tramite uno specifico account.

Gli ulteriori sviluppi investigativi consentivano di stabilire come il 31enne fosse recidivo nei suoi comportamenti  con le  vittime di turno. Egli operava tramite social o sulle App dedicate e una volta individuato il soggetto cominciava ad assillarlo e a minacciarlo, dicendo di voler rendere pubbliche le sue tendenze sessuali al solo scopo di ottenere incontri che spesso sfociavano in violenze di ogni genere. I carabinieri di L’Aquila,  al termine delle formalità di rito, hanno associato l’arrestato  alla Casa Circondariale di  altra provincia.