Arrestato ‘noto’ allevatore marsicano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Trasacco – Un allevatore di Trasacco, Giuseppe Tatangelo di 51 anni, è finito in carcere per cumulo di pena e dovrà scontare tre anni e nove mesi di reclusione per detenzione illegale di armi, percosse e ricettazione.

L’uomo, originario di Isola Liri, era finito sulla pagine di cronaca per via delle sue clamorose proteste: nel 2004 si è arrampicato sul campanile della chiesa di San Cesidio per protestare contro il mancato rinnovo del pascolo mentre nel 2009 si è incatenato dentro una bara davanti alla sede Asl di via Monte Velino per protestare contro il Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise per il mancato risarcimento di 70 bovini che gli sarebbero stati uccisi dai lupi.

Su ordinanza della Corte d’Appello dell’Aquila, ieri l’uomo è stato arrestato dai Carabinieri e trasferito nel carcere San Nicola di Avezzano.




Lascia un commento