Arrestato dalla Polizia di Stato cittadino rumeno ricercato dal 2018



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

L’AquilaNella mattinata odierna personale della Squadra Mobile e della Squadra Volanti della Questura di L’Aquila hanno rintracciato e arrestato,  a seguito di una complessa attività di indagine   in questo capoluogo il 33enne cittadino rumeno G.C.I. latitante dal 2018 il quale era destinatario  di un ordine di carcerazione di 2 anni e 7 mesi  emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Terni poiché responsabile di una serie di reati contro il patrimonio.  

Il risultato raggiunto è frutto di mirati servizi predisposti dalla Questura a tutela e controllo del territorio attraverso un attento coordinamento delle investigazioni che hanno portato all’individuazione e poi all’arresto del ricercato.

L’attività di cattura condotta dagli uomini della Polizia di Stato si è rivelata particolarmente difficile, atteso che l’uomo aveva da tempo fatto perdere le sue tracce nei vari indirizzi di residenza sul territorio Nazionale.

Questa mattina però, a seguito di una serie di mirati servizi di osservazione nei pressi dell’abitazione, i poliziotti hanno rintracciato nella prima periferia del capoluogo lo straniero, arrestandolo.

  Va sottolineato che in un momento così difficile per il Paese, ancora impegnato a fronteggiare una emergenza sanitaria relativa all’espandersi della nota epidemia COVID19, il risultato investigativo assume una valenza straordinaria, conseguito grazie alla perfetta intesa tra i reparti della Questura, in una proiezione di massima tutela  operata nei confronti della cittadinanza. 

         Il Questore di L’Aquila, dr. Gennaro CAPOLUONGO, ha sottolineato “che il risultato è la sintesi di un lavoro coordinato tra Autorità Giudiziaria e la Polizia di Stato, cui vanno i miei ringraziamenti, atteso che sempre di più vado osservando delle istituzioni vicino alla gente, tese a conferire sicurezza ai cittadini, bene primario della nostra democrazia”.