Approvata l’Agenda della Gravidanza, collegamento tra le mamme e i servizi territoriali e ospedalieri



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Abruzzo – Fornire uno strumento di informazione, comunicazione e collaborazione tra la donna e i professionisti che operano nell’ambito del percorso nascita, aggiornando le procedure alla luce delle novità scientifiche e normative. E’ l’obiettivo dell’Agenda della Gravidanza, approvata dal Comitato percorso nascita regionale, che nei prossimi giorni sarà recepita in una specifica delibera della giunta.

Il Percorso nascita – spiega l’assessore alla Salute, Nicoletta Verìpropone una continuità assistenziale per tutto il periodo della gravidanza, utilizzando l’agenda come strumento informativo per la donna, ma anche come raccolta dati per gli operatori sanitari. L’Agenda è un prezioso strumento di collegamento tra le mamme, i servizi territoriali (consultori) e quelli ospedalieri (punti nascita)”.

Il riferimento del nuovo strumento è individuato dalle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità per il percorso assistenziale della gravidanza fisiologica, quella definita a basso rischio.

Alle donne con gravidanza fisiologica è offerto il modello assistenziale basato sulla presa in carico da parte dell’ostetrica, così come previsto dalla direttiva europea recepita nella nostra legislazione nazionale, che autorizza la stessa ostetrica ad “accertare la gravidanza e in seguito sorvegliare la gravidanza diagnosticata come normale da un soggetto abilitato alla professione medica, effettuare gli esami necessari al controllo dell’evoluzione della gravidanza normale; prescrivere gli esami necessari per la diagnosi quanto più precoce di gravidanze a rischio”.

La futura mamma – precisa l’assessore – potrà in ogni caso sempre scegliere se aderire al percorso nei consultori oppure rivolgersi a uno studio ginecologico pubblico o privato. Con questo progetto, però, vogliamo idealmente avviare quel nuovo corso della sanità territoriale, che rappresenta la vera sfida del futuro prossimo, in cui numerose prestazioni (che non comportano ovviamente rischi per la salute dei pazienti) saranno gestite sempre di più in strutture alternative all’ospedale”. 

Fonte: Regione Abruzzo