giovedì, 4 , Marzo

Burgo Group precisa sull’incendio divampato nello stabilimento di Avezzano

Avezzano - Sulla vicenda inerente l’incendio divampato il 26 febbraio scorso presso lo stabilimento della Burgo S.p.A. situato nel nucleo industriale di Avezzano, che...

Prima pagina

Approvata delibera per intitolare lo stadio rugby di Avezzano ad Angelo Trombetta. Simonelli: “soddisfazione per unanimità, atto dovuto a fronte dell’operato di Angelo per la città”

Avezzano – Nella giornata di ieri, 23 dicembre 2020, si è tenuta la 5^ Commissione – Attività culturali e sportive, istruzione e turismo, con all’Ordine del Giorno l’intitolazione dello stadio comunale del rugby alla memoria di Angelo Trombetta. Erano presenti in Commissione, oltre al Presidente Nello Simonelli, ai vice presidenti Antonietta Dominici e Alfredo Mascigrande ed ai commissari, l’odierno presidente dell’Avezzano Rugby, Alessandro Seritti, la moglie e le figlie del compianto Trombetta, Assunta Paciotti, Alessia ed Annamaria Trombetta.

La Commissione, che considerata la delicatezza e straordinarietà dell’argomento, è stata aperta dal Sindaco Giovanni Di Pangrazio, ha visto il susseguirsi di alcuni aneddoti riportati dai consiglieri sulla propria vita privata vissuta a contatto con il presidente Trombetta, a conferma della rilevanza della sua figura nella società cittadina.

È stata presentata, inoltre, una mozione popolare, sottoscritta da oltre 150 persone, a supporto della proposta di delibera e la stessa proposta è stata approvata all’unanimità dei presenti, segno di come la politica – nella sua accezione di scontro – abbia in questo caso lasciato il campo alla sua funzione più nobile, quella di comunanza di intenti nel maggior interesse sociale.

Vorrei ringraziare personalmente i colleghi consiglieri – afferma il Presidente Simonelli – per questa approvazione, che ora permetterà alla Giunta di poter trasformare un atto dovuto, nei confronti di chi tanto ha dato ad Avezzano, in una realtà gradita alla totalità della popolazione. Grazie, Angelo, per quello che, in tutti questi anni, hai dato alla città”.

Ultim'ora