Appalti a Celano, tre avvisi di garanzia si ipotizza la turbativa d’asta. Cotturone “chiediamo le immediate dimissioni dei consiglieri coinvolti nelle indagini”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano – ” Come sempre continuiamo ad essere garantisti” dichiara il segretario del Partito Democratico Calvino Cotturone, “ma iniziamo a capire come mai alle nostre richieste pubbliche di chiarimenti su delibere annullate, dimissioni di tecnici, appalti, affidamenti di lavoro e contributi assegnati, non abbiamo mai ricevuto risposte, se non offese da parte dell’Amministrazione Comunale.

E’ vero il tempo è galantuomo e noi sappiamo attendere. Il grave reato di turbativa d’asta, che il sostituto procuratore Roberto Savelli ipotizza, per i consiglieri Filippo Piccone, Barbara Marianetti ed il segretario generale Giampiero Attili, forse chiariscono l’assordante silenzio di questa amministrazione comunale.

Siamo sempre stati attenti alle problematiche che i cittadini devono affrontare quotidianamente, mettendo all’erta i consiglieri comunali sulle vicende poco chiare che hanno riguardato appalti, affidamenti di lavoro, incarichi a tecnici, e contributi assegnati. Adesso iniziamo a capire il perché abbiamo sempre avuto difficoltà a reperire documenti, pubblicati anche con anni di ritardo.

Gli avvenimenti che si susseguono dall’insediamento dall’amministrazione Santilli scrivono un’altra pagina buia sul già pessimo operato di questo governo cittadino. Crediamo sia arrivato il momento di scoprire le carte e smetterla di mentire ad una cittadinanza che non merita questo trattamento. Chiediamo le immediate dimissione dei consiglieri coinvolti dalle indagini”.




Lascia un commento