Ancora truffe del pacco. Raggirata anziana di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano –  Il sistema è il solito “pacco”. La vittima, sempre anziana, viene contattata telefonicamente per avvisare che è arrivato un pacco, appunto, che il figlio raccomanda di ritirare. Da quel momento il telefono del mal capitato verrà isolato e alla porta arriva uno dei delinquenti che entra in casa, con la richiesta di soldi per il ritiro, e non pochi soldi, nel caso di cui abbiamo notizia ben 2.300 euro . Il genitore non può chiedere alcuna conferma poiché, dall’ingresso in casa del malfattore, il telefono continua a squillare senza dare possibilità alcuna di utilizzo.

Nel particolare caso, avvenuto nella zona nord di Avezzano, la vittima anziana si è rifiutata di pagare dichiarando di non avere contanti e di voler chiedere spiegazione al proprio figliuolo. Per fortuna, ma davvero per fortuna, alla risposta negativa l’uomo ha lasciato l’abitazione.

Il delinquente che si è presentato alla porta è un giovane di circa 27/30 anni, dimesso nel vestire, italiano, con un sicuro complice.

Una delle figlie della vittima, saputo di quanto è accaduto, si è rivolta subito al Comando dei Carabinieri della Stazione di Avezzano. E’ emerso che alcuni giorni fa una povera anziana signora è stata truffata, nel medesimo modo, per la somma di circa 3mila euro. I soggetti malavitosi stanno girando per Avezzano e di sicuro non solo in città.
Fate attenzione, e agli anziani genitori dite loro che nessun pacco deve essere ritirato. Che nessun rappresentante di Enel, Eni, INPS, possono chiedere soldi e voler entrare in casa, e che devono chiamare immediatamente le forze dell’ordine.
Il dramma non è perdere soldi, ma la ritorsione fisica che i delinquenti posso perpetrare nei confronti di persone deboli e indifese ormai come bambini.




Lascia un commento