Anatra Zoppa, De Angelis si dimette



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – “Appena svolti gli ultimi lavori formalizzerò nelle prossime ore le mie dimissioni da sindaco di Avezzano”. Sono queste le parole del Sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, nel corso della conferenza stampa indetta all’indomani della sentenza del Consiglio di Stato che lo ha privato della maggioranza in assemblea.

“Gli elettori non hanno voluto Gianni Di Pangrazio Sindaco di questa città: con la sentenza dei giudici non abbiamo perso noi, ha perso la città di Avezzano”. De Angelis ha poi passato in rassegna il programma di mandato eseguito in questi sette mesi: da Piazza Torlonia al mercato coperto Urbano Center, per finire con il Piano di Sicurezza.

“Non avendo più la maggioranza – prosegue – non ho più la possibilità di mantenere il patto con i cittadini: sono sicuro che la città capirà la mia posizione ed il mio stato d’animo”.

LA VICENDA – I giudici hanno confermato la sentenza del Tar Abruzzo che il 12 ottobre scorso aveva assegnato 13 seggi alla coalizione di centrosinistra e nove a quella del centrodestra, che con il sindaco, Gabriele De Angelis, aveva vinto il ballottaggio del 25 giugno scorso alle amministrative di Avezzano, ribaltando di fatto l’equilibrio del Consiglio comunale del centro marsicano. Il Consiglio di Stato, inoltre, ha anche nominato il prefetto dell’Aquila come commissario ad acta per l’esecuzione della sentenza per l’insediamento di sei consiglieri del centrosinistra in sostituzione di altrettanti del centrodestra.

Il ricorso al Tar era stato presentato dall’ex Sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, e si basava sul fatto che al primo turno la coalizione di centrosinistra aveva ottenuto più del 50 per cento dei consensi, anche se al ballottaggio si è imposto il candidato sindaco di una coalizione con partiti di centrodestra e liste civiche.

L’attribuzione dei seggi da parte della commissione elettorale era avvenuta, dunque, privilegiando la governabilità, ma in modo illegittimo secondo i ricorrenti, visto che il consenso raccolto dalla coalizione che ha eletto il sindaco era inferiore rispetto a quella guidata dal sindaco uscente.

Un caso analogo è avvenuto a Lecce dove il Primo Cittadino, Carlo Salvemini, ha annunciato di voler restare in carica.

Foto e video a cura di Manuel Conti

https://www.facebook.com/DeAngelisGabrielesindaco/videos/1019170821564639/



Lascia un commento