Amianto nel centro Casinelli, Di Carlo: “sappiamo per certo che c’è una dispersione d’amianto ma nessuno fa niente”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – “Da un mese l’impianto Casinelli continua a bruciare e sappiamo per certo che c’è una dispersione d’amianto ma nessuno fa niente. La nostra salute e quella dei nostri dipendenti è a rischio”. Il presidente di Tekneko, Umberto Di Carlo, è preoccupato da una situazione che definisce “paradossale”. Nella notte tra il 14 e il 15 luglio è stato distrutto dalle fiamme il capannone del centro riciclo Casinelli proprio davanti alla sede dell’azienda che si occupa di servizio di igiene urbana in diversi comuni dell’Abruzzo, del Lazio e della Puglia.

Subito sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, l’Arta Abruzzo e le autorità competenti per effettuare i dovuti rilievi e le analisi dell’aria. Da quel giorno non è arrivata mai nessuna comunicazione ufficiale alle aziende circostanti e ai residenti fino al 13 agosto. A distanza di un mese, infatti, mentre dall’impianto Casinelli ancora si intravedono fumo e fiamme, la Asl dopo diversi solleciti ha inviato una nota con la quale confermava la presenza di amianto nello stabile distrutto dalle fiamme.

“Con una nota della Asl inviata a un mese dall’incendio è stato confermato che c’è nell’area del centro Casinelli dell’amianto crisotilo”, ha spiegato Di Carlo, “questa situazione sta preoccupando particolarmente tutti noi che lavoriamo quotidianamente in quella zona. È inaudito che la l’Asl, l’Arta e il Comune di Avezzano sappiano quello che c’è e nessuno fa niente. Se non saranno presi provvedimenti immediati sarà costretto a rivolgermi alle autorità giudiziarie per denunciare l’accaduto perchè non posso mettere ulteriormente a rischio la salute dei miei dipendenti e quella di chi vive in quell’area. La salute va tutelata”.