La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Cerca
Close this search box.
Home » Attualità » Allevamento cani, in Abruzzo manca una legge. Bracco (sinistra italiana) interviene sulla cinotecnica

Allevamento cani, in Abruzzo manca una legge. Bracco (sinistra italiana) interviene sulla cinotecnica

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Regione. “Questa proposta di legge nasce dalla necessità di eliminare un evidente vuoto legislativo nazionale in tema di allevamento di cani”.

Ha esordito così il Consigliere regionale Leandro Bracco nel presentare il suo progetto di legge alle Camere che riguarda la cinotecnica. Attualmente la materia è regolamentata dalla legge n. 349 del 1993 che stabilisce che “non sono comunque imprenditori agricoli gli allevatori che producono nell’arco di un anno un numero di cani inferiore a quello determinato, per tipi o per razze, con Decreto del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali” dove il numero di cani necessario affinché non si sia dichiarati allevatori deve essere inferiore a 5 fattrici che annualmente producano un numero di cuccioli inferiore alle 30 unità. “Nel corso degli anni la disciplina legislativa è risultata carente e gravida di conseguenze nefaste – ha dichiarato Bracco – in quanto ha dato vita, accanto al proprietario del singolo o di pochi cani e all’allevatore professionale, a un terzo genus di allevamento ossia quello “amatoriale”. Ovvero chiunque avesse un numero di fattrici inferiore a 5 o producesse annualmente un numero di cuccioli inferiore a 30 svolge sostanzialmente l’attività di allevatore di cani, ma a livello legislativo non viene considerato né imprenditore agricolo né semplice detentore (si pensi ad esempio alla persona che alleva 6 fattrici che producono in un anno 29 cuccioli). “Tale forma di allevamento – sottolinea Bracco – sfugge alla disciplina che impone invece all’allevatore professionale di cani (o imprenditore agricolo ai sensi del D.M. 28 gennaio 1994) di ottemperare a una serie di norme e prescrizioni che obbligano di tenere determinati comportamenti e di adottare specifiche cautele finalizzate a garantire una corretta gestione e detenzione degli animali e contemporaneamente assicurare la sicurezza delle persone che entrano in contatto con gli stessi”. “Le leggi regionali in materia hanno in vario modo tentato di arginare il fenomeno degli allevamenti amatoriali, purtroppo senza successo – ha ricordato il Consigliere regionale – Infatti a oggi proprio gli allevamenti amatoriali proliferano non solo in Abruzzo ma in tutta Italia con conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti (bambini sbranati dai cani del padre o del nonno e allevatori aggrediti e uccisi dai propri cani)”. Al fine di consentire la salvaguardia della salute degli animali e di conseguenza delle persone che entrano in contatto con i medesimi è stata predisposta questa proposta di legge parlamentare che abbassa drasticamente il numero di fattrici o il numero di cuccioli prodotti annualmente necessari per essere considerati imprenditori agricoli (numero pari o superiore a tre fattrici o che producano ogni anno un numero di cuccioli superiore a 12). “Tutto questo al fine di tenere un comportamento etologicamente corretto e rispettoso degli animali che – ha sottolineato Leandro Bracco – per motivi di razza e/o età, non può certamente portare a esigere per tutte le cagne il medesimo standard riproduttivo. Il mancato buon esito di un accoppiamento (atteso che di norma ne sono possibili solamente due per ogni anno) o un numero limitato di cuccioli prodotti, per l’allevatore-imprenditore implica necessariamente l’esigenza di mettere a frutto ogni successivo tentativo rischiando, oltre che un inevitabile stress per le fattrici, anche una riduzione delle cagne a mere replicanti di razza”. In conclusione il Consigliere di Sinistra italiana ha rilevato come occorra stabilire l’effettiva differenza tra “semplici proprietari di cani e imprenditori agricoli nel settore dell’allevamento dei medesimi”, precisando infine che “per esercitare tale professione, gli stessi imprenditori dovranno obbligatoriamente seguire dei corsi per ottenere la relativa qualifica qualora non siano già in possesso di una laurea specialistica in materia”.

PROMO BOX

MEMORIAL GIAN MAURO FRABOTTA KART
WhatsApp Image 2024-05-23 at 19.20
Quattro suggestivi scatti di Arturo Di Felice che immortalano la bellezza dei fenomeni celesti
Rimossa da Salviamo l'Orso una grande quantità di filo spinato
Interruzione del flusso idrico nel Comune di Aielli per la mattinata di oggi
In memoria di Giuseppina Cerroni: i colleghi e la direzione della Nova Salus effettuano una donazione a favore di Trasacco Emergency
mercato-avezzano-centro
|
Il Vicesindaco Luigi Soricone
FB_IMG_1716533884760
444747465_10233593313837640_6163009785225932614_n
Balsorano ricorda e commemora i fratelli Mario e Bruno Durante, martiri della Resistenza
Panorama Pescina
passaporti-poste
Proteggiti dal Phishing! Campagna straordinaria di sensibilizzazione degli utenti del CAM
I servizi segreti italiani reclutano nuovi 007
Camosci selvatici Parco Nazionale D'Abruzzo terremarsicane
Imprudente
FB_IMG_1716484659303
rapper Mondo Marcio
Parco Sirente Velino
Stabilizzazione precari della ASL 1, Pietrucci: "Lavoratrici e i lavoratori attendono da anni una soluzione definita al loro contratto di lavoro"
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
"Le vie della seta nella storia", domani ad Avezzano conferenza con il dott. Brizio Montinaro

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina