Alla scoperta del Sentiero E1 e l’Alta Valle del Velino



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

In occasione del Festival Valli e Montagne Appennino centrale 2019, tanti gli eventi in programma questo fine settimana, dedicati alla riscoperta del territorio. Sabato 22 giugno isegnaliamo Rieti che Sorpresa! la città capitale della Sabina quale punto d’incontro tra due Cammini quello di S. Benedetto e di S. Francesco. Una giornata alla scoperta di Rieti SottoSopr@ che ci regalerà tante sorprese! Sotto custodisce i resti del viadotto romano fatto costruire per evitare l’impaludamento della Via Salaria, l’antica via del sale. Nei sotterranei anche nobili dimore. Sopra passeggiata alla scoperta dei monumenti più significativi.

Domenica 23 l’associazione Micciani Unita invita appassionati di escursionismo alla passeggiata da Posta a Sigillo organizzata con il patrocinio del Comune di Posta (RI) in collaborazione con l’OdV Valledelsalto.it, WIldWay 3K e OFFICINA77. Le vie escursionistiche di lunga percorrenza come il sentiero Europeo E1 offrono la possibilità di scoprire luoghi esclusivi, caratteristici, a volte sconosciuti al grande pubblico e non facilmente accessibili: Un’occasione questa per scoprire il tratto che collega i paesi di Posta e Sigillo attraverso l’Alta valle del Velino su un percorso di media difficoltà di circa 8 km con visita guidata al borgo di Posta e l’apertura del vecchio Dazio. Per info e prenotazioni: 339 3437369 o 339 1501955

Altra possibilità per gli amanti dell’escursionismo è la tappa di valico dei Monti Reatini Leonessa – Poggio Bustone sul Cammino di San Benedetto in quote tra i 900 e i 1500 metri. Un po’ impegnativa ma suggestiva. Si parte da Porta Spoletina per attraversare la città. In alternativa l’associazione Camminando Con propone una inedita escursione di natura e storia tra gli orti-giardino di Tivoli alle porte di Roma dove, sapienti mani coltivano ancora l’uva “Pizzutello” consociata ad ortaggi ed erbe tradizionali. L’itinerario si disbriga nel dedalo delle vie del centro con le sue belle chiese medioevali, palazzi rinascimentali, monumenti e caratteristiche piazze