Alessandro Preziosi al Teatro dei Marsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa


Avezzano
– In un contesto sociale attuale,  essere un “Don Giovanni” ha perso un bel pò di quell’alone di fascino che l’appellativo dava ad una terminata  tipologia di uomo.

Certo è che il personaggio “Don Giovanni” di Molière interpretato da Alessando Preziosi non deluderà il pubblico, in special modo quello femminile.

In scena al Teatro dei Marsi martedì 16 febbraio alle ore 21, per la stagione di prosa promossa unicamente dalla Amministrazione del Comune di Avezzano il “Don Giovanni” di Moliere è una delle opere più note e di successo del grande commediografo francese.

L’adattamento scenico porta la regia dello stesso Alessandro Preziosi.

Per saperne un pò di più

Don Giovanni o Il convitato di pietra  è una commedia  tragica in cinque atti, del drammaturgo francese Molière . Venne rappresentata per la prima volta a il 15 febbraio 1665. Su richiesta della vedova di Molière,  ne fece un adattamento in versi  che rimase il testo adottato sulle scene fino a metà dell’Ottecento. Il personaggio teatrale di Don Giovanni ebbe la sua origine in Spagna, dove il frate Gabriel Téllez, una volta convertito alla letteratura ed al teatro, scrisse sotto lo pseudonimo di Tirso Molina. Pubblicato nel 1630, tale scritto serviva da esempio e monito ad ogni trasgressore della morale umana e della legge divina.

“L’obiettivo della regia – ha scritto Alessandro Preziosi –  è di accendere  nella fantasia degli spettatori il piacere dei sensi, facendo materializzare sotto i loro occhi, uno dei più affascinanti archetipi letterari della cultura occidentale, è mescolare il piano realistico della commedia di cappa e spada e quello fantastico del soprannaturale; e il protagonista è un personaggio seducente, sempre in scena, autentico funambolo del trasformismo. Don Giovanni diviene così l’emblema di una spensierata gioia di vivere, del piacere sensuale, dell’intelligenza strategica messa al servizio degli inganni e del disprezzo per l’irrazionale, anche se finisce per accostarsi alla sfera del divino, avviluppato in sé nel mistero  finale.“

In scena : Alessandro Preziosi e Nando Paone

Altri attori: Lucrezia Guidone – Barbara Giordano – Roberto Manzi – Daniele Paoloni – Daniela Vitale – Matteo Guma

Scene: Fabien Iliou – Costumi: Maria Crisolini Malatesta  –  Luci: Valerio Tiberi

Musiche originali: Andrea Farri                   Supervisione Alessandro Maggi




Lascia un commento