Alcune notizie ed alcuni ritratti del Cardinale Giulio Mazzarino



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

 Del Cardinale Giulio Mazzarino sono piene le storie di Francia e d’Europa e la letteratura e la bibliografia che illustrano lui , la sua famiglia , le sue belle ed affascinanti nipoti ; sono assai ricche di opere  edite ed inedite e di documenti , che si conservano negli archivi di Francia , di Spagna e di Germania ed in quelli di Roma , Napoli , Firenze , Montecassino…..E veramente l’uomo , per altezza d’ingegno , per acutezza di mente , per finissimo tatto diplomatico , ricco di tutte le astuzie , di tutte le risorse , di tutti i ripieghi ; per modi oltre ogni credere insinuanti e persuasivi , per un intuito pronto e per piu’ pronte risoluzioni in momenti difficili ; ed infine per la prestante eleganza della persona , fu tale da far convergere su di sé lo sguardo dei contemporanei e dei posteri ed occupare , nella Storia di Francia non solo , ma di tutta l’Europa del secolo XVII° , un posto ragguardevole .

In un libro divenuto ormai raro , stampato a Roma nel 1661 , e che contiene l’elogio del Cardinale Mazzarino , scritto in quattro lingue , latina, dedicata al Cardinale Antonio Barberini , francese , al Re Luigi XIV°, spagnola , a Maria Teresa d’Austria e in lingua italiana  dedicata al Duca Mancini , si dà di lui il curioso giudizio , che ci piace riportare : “ Diciamo bene , che la vita del grande Cardinale Giulio Mazzarino , è in verità un misterioso Enigma , composto come i quadri piu’ rifiniti , di opposti contrari  che la rendono non meno  ammirevole  in tutti i secoli , senza dubbio molto difficile da uguagliarla . Ah Dio! Che luci e che ombre , quali lumi e quali ombre mettono in risalto la bellezza di questo dipinto ?. Un Italiano Francese , un Sodato Dottore anti-legge , un Laico senza Ordini Sacri , ed un Eminentissimo Cardinale : uno Straniero ed un Domestico ,un Bandito ed un Plenipotenziario, un sottoposto ed un Amico di Re , tutto questo così come uno Sgorbio e la Statua di Davide . Cosa direi di piu’ e voi cosa potreste attendervi di piu’ ? Un illustre Perseguitato, da oltraggi gloriosi . Una Fenice che rinasce dalle sue ceneri . Un Sole che il ritorno dopo le tenebre di una notte spossante , rende piu’ sfavillante ; “post nubila Phoebus”( dopo le nubi il Sonno) .    Infine , infine l’Arbitro di molti Popoli , di Nazioni ; la spoglia morte e la preda del verso , diventano un po’meno importanti”.                                                                     .

Certo è che egli , coadiutore di Richelieu con Luigi XIII° , primo Ministro con Luigi XIV° ,se non di nascita francese , ma francese di sentimenti e di cuore , consacrò sé stesso alla grandezza ed alla gloria della Francia , ne consolidò la potenza all’estero , contribuì alla pace di Cherasco , continuò e pose termine alla guerra dei trent’anni con la pace di Westfalia , trionfò sul Parlamento e sulla Fronda . Con la pace dei Pirenei e con la Lega del Reno estese ed accrebbe l’influenza della Francia anche sull’Impero Germanico . Concluse il matrimonio della Principessa di Niver con il Re di Polonia e dell’infanta Maria Teresa con Luigi XIV°; collocò splendidamente in famiglie illustri e nobilissime le sue nipoti e comprò da Carlo II°di Mantova i Ducati di Rethel e Nevers per Filippo Mancini  suo pronipote . Ebbe l’affetto dell’altera Anna d’Austria e l’amicizia di Cromwell , del Principe di Condè , di Turenna , del Duca d’Orleans . Egli fu protetto ed amato da Luigi XIII° , Luigi XIV° , Urbano VIII°, Innocenzo X°. Fondò la cospicua Biblioteca che porta il suo  nome , fu mecenate illustre delle lettere e delle arti durante il regno del Re Sole , che in Francia segnò il secolo d’oro della sua storia ed infine lasciò , morendo , una fortuna che venne valutata piu’ di cento milioni .
Se disparati e contradditori furono i giudizi nei confronti di Mazzarino , sono ancora piu’ disparate le notizie intorno alla sua patria : si accenna alla stirpe del Mazzarino , nel recente elogio , sparsa nel Genovese , nella Sicilia , nell’Umbria , ma non si parla del luogo dove nacque : C. Balbo lo dice “povero prete calabrese”, Amedeo Rèe insiste sulla sua origine romana come anche A. Scala nell’articolo della “Rivista Araldica del settembre 1905 . Altri autori lo fanno nascere in Liguria perché , secondo il Giustiniani , da Montaldeo derivavano i suoi antenati . Siciliano , perché suo padre venne da li’ . Gli scrittori abruzzesi che si interessarono dell’insigne uomo di stato , lo dissero nato a PESCINA nei Marsi il 14 luglio 1602 . Altri autori che lo confermano sono il Giacconio nelle “Vite dei Pontefici” e il Conte Galeazzo Priorato nella “Vita di Mazzarino” , il Corsignani in Reggia Marsicana e  A. Tari , V. Morgigni , C. Minieri-Riccio , A. Parascandolo , e Ferrarelli .

Gabriello Cherubini ha trascritto l’atto di nascita ed io stesso , per ridare “a ciascuno il suo” , ho pubblicato fin dall’anno 1886 sul giornale “Il Pallano “ di Lanciano , integralmente e per esteso l’importante documento dell’atto di Nascita di Giulio Raimondo , togliendolo dal “Libro dei Battezzati” che si trova nella Chiesa Cattedrale Marsicana , ed ho posto fine a qualunque altra discussione.   Nessun dubbio , quindi , sulla vera patria del Cardinale Mazzarino . Nel terzo centenario di così fausto avvenimento (1902), la Città di Pescina fece apporre una marmorea lapide sul fronte della casa dove Egli vide la luce , casa che noi , quale insigne monumento storico , riproducemmo , quasi trent’anni fa , nel nostro Atlante dei “Monumenti storici ed artistici dal secolo IV° al sec. XVI° . In quella circostanza il benemerito Luigi Colantoni rese noti l’atto di battesimo del Cardinale e sette lettere di Pietro padre di lui , che mostrano le relazioni cordiali tra i Mazzarino e Pescina . Anche l’arte ha recato , attraverso i secoli , il suo tributo al Cardinale Mazzarino , perpetuandone l’immagine in tele ed incisioni. Bellissimo è il ritratto di Mazzarino in piedi con Anna d’Austria seduta che decora il Museo del Louvre e che è opera di Richard Parks Bonington ( ce ne hanno concessa la pubblicazione i Fratelli Alinari).

Ma il piu’ noto dei suoi ritratti è quello che dipinse Pietro Mignard , da lui protetto e raccomandato a Luigi XIV° ed alla Corte , della quale divenne l’artista prediletto . Questo ritratto noi riproduciamo dalla incisione in rame , che ne fece Peter von Scappen nel 1661 . L’illustre Adolfo Venturi , nella illustrazione della Galleria Estense , trovò annotato che nel 1687 un certo Giuseppe , guardaroba del Mazzarino , aveva lasciato come  Testamento al Duca di Modena il ritratto e la narrazione della vita del Cardinale : Questo ritratto , attribuito al Guercino , ma che lo stesso Venturi ritiene sia una copia del Mignard , si può ancora vedere in quella Pinacoteca .

Nella Regia Galleria di Arte Antica  , a Roma , nel Gabinetto Nazionale delle Stampe , si trovano varie incisioni del cardinale , opera del Mellan , del De Poilly , del Lasne , di Chauveau : la piu’ bella ed artistica è l’incisone del Mellan . Nella Galleria Colonna esiste un magnifico ritratto di Maria Mancini , nipote  del Cardinale , opera insigne di G. Netscher che , grazie alle squisite cortesie dei Fratelli Alinari , offriamo ai lettori   . Nella Galleria di Firenze si trovano varie stampe che rappresentano il Cardinale Mazzarino e ritratti ,tolti dall’uno o dall’altro degli incisori ricordati , adornano le opere che illustrano la vita e i suoi tempi o la Storia di Francia e dell’Europa , come può vedersi nel Perkins , nel Lacroix , nell’Onken , nel Nouveau Larusse , nella Nuova Enciclopedia Italiana etc. etc. ; anche ai tempi nostri non sono mancati artisti insigni che hanno fatto del Mazzarino oggetto di quadri famosi , come Wetter e Paolo Delaroche , che lo dipinsero morente , Ravel lo dipinse nell’atto di attirare al suo partito la Duchessa di Chevreuse e il Coysevox ,che ne scolpì la tomba che adorna il Museo Nazionale del Louvre  .

cardinalegiuliomazzarino2Io mi sono rivolto ad alcuni miei amici , ora che mi sto occupando di un’opera dal titolo “Scrittori Abruzzesi”, nella quale vorrei inserire anche  immagini poco conosciute . Ho saputo pertanto dal mio amico Pietro de Nolhac , insigne studioso della Storia di Francia ed attuale conservatore del Museo di Versailles , che ivi si trovava un dipinto antico , di piccole dimensioni  attribuito al pittore Lerambert  , che rappresentava il Cardinale a mezzo busto , in un ovale  . Due ritratti del Mazzarino nel Museo Condè a Chantilly  , di cui uno dovuto al pennello del famoso pittore belga Filippo di Champagne (1602-1674), prediletto da Luigi XIII° e dal Cardinale di Richelieu . Il principe Duca d’Aumale mi ha accordato la possibilità di inserire nel mio volume due grandi e splendide fotografie : Ho il piacere di presentare come omaggio di grande affetto ai miei Abruzzi dilettissimi , per questo volume destinato a recar soccorso a tanti infelici colpiti dall’immane disastro del 13 gennaio , questi due ritratti insieme ad una lettera inedita , resa preziosa dall’autografo di Colui che fu il piu’ illustre cittadino della Marsica desolata . L’autografo appartiene alla Biblioteca Nazionale di Parigi , Collezione Baluze ed è una lettera a Gastone d’Orleans , Fratello di Luigi XIV°.

firmagiuliomazzarinoIl secondo dipinto di 2 m. x 1, 42 raffigura Mazzarino in tutta la sua persona , seduto con abito cardinalizio con lo sguardo rivolto a sinistra , nella mano sinistra ha una lettera aperta e poggia la mano destra sul bracciale della poltrona ; il fondo del quadro è magnificamente drappeggiato ……il dipinto è opera veramente bella ed artistica , assai pregevole per la naturale espressione del volto , per la morbidezza della carne , per le bellissime mani , disegnate perfettamente e ben colorite , per l’abito , per le stoffe , per i merletti ….

cardinalegiuliomazzarino3 In chiusura di questo articolo intorno al cardinale Mazzarino, mi piace riportare infine un busto in marmo , attribuito al Bernini , ma che sicuramente è opera del suo piu’ stretto collaboratore (ndt. Giovanni Canale il Piscina , suo concittadino ) . Questo busto , che vi mostriamo, lo dobbiamo alla squisita cortesia dell’illustre amico Commendator Corrado Ricci . Esso rappresenta il Mazzarino in abito cardinalizio con berretta in testa ; lo possiede il signor Domenico Scaglia che ha concesso la sua esposizione nella Mostra di Castel S. Angelo in Roma .




Lascia un commento