Alcune notizie ed alcuni ritratti del Cardinale Giulio Mazzarino



 Del Cardinale Giulio Mazzarino sono piene le storie di Francia e d’Europa e la letteratura e la bibliografia che illustrano lui , la sua famiglia , le sue belle ed affascinanti nipoti ; sono assai ricche di opere  edite ed inedite e di documenti , che si conservano negli archivi di Francia , di Spagna e di Germania ed in quelli di Roma , Napoli , Firenze , Montecassino…..E veramente l’uomo , per altezza d’ingegno , per acutezza di mente , per finissimo tatto diplomatico , ricco di tutte le astuzie , di tutte le risorse , di tutti i ripieghi ; per modi oltre ogni credere insinuanti e persuasivi , per un intuito pronto e per piu’ pronte risoluzioni in momenti difficili ; ed infine per la prestante eleganza della persona , fu tale da far convergere su di sé lo sguardo dei contemporanei e dei posteri ed occupare , nella Storia di Francia non solo , ma di tutta l’Europa del secolo XVII° , un posto ragguardevole .

In un libro divenuto ormai raro , stampato a Roma nel 1661 , e che contiene l’elogio del Cardinale Mazzarino , scritto in quattro lingue , latina, dedicata al Cardinale Antonio Barberini , francese , al Re Luigi XIV°, spagnola , a Maria Teresa d’Austria e in lingua italiana  dedicata al Duca Mancini , si dà di lui il curioso giudizio , che ci piace riportare : “ Diciamo bene , che la vita del grande Cardinale Giulio Mazzarino , è in verità un misterioso Enigma , composto come i quadri piu’ rifiniti , di opposti contrari  che la rendono non meno  ammirevole  in tutti i secoli , senza dubbio molto difficile da uguagliarla . Ah Dio! Che luci e che ombre , quali lumi e quali ombre mettono in risalto la bellezza di questo dipinto ?. Un Italiano Francese , un Sodato Dottore anti-legge , un Laico senza Ordini Sacri , ed un Eminentissimo Cardinale : uno Straniero ed un Domestico ,un Bandito ed un Plenipotenziario, un sottoposto ed un Amico di Re , tutto questo così come uno Sgorbio e la Statua di Davide . Cosa direi di piu’ e voi cosa potreste attendervi di piu’ ? Un illustre Perseguitato, da oltraggi gloriosi . Una Fenice che rinasce dalle sue ceneri . Un Sole che il ritorno dopo le tenebre di una notte spossante , rende piu’ sfavillante ; “post nubila Phoebus”( dopo le nubi il Sonno) .    Infine , infine l’Arbitro di molti Popoli , di Nazioni ; la spoglia morte e la preda del verso , diventano un po’meno importanti”.                                                                     .

Certo è che egli , coadiutore di Richelieu con Luigi XIII° , primo Ministro con Luigi XIV° ,se non di nascita francese , ma francese di sentimenti e di cuore , consacrò sé stesso alla grandezza ed alla gloria della Francia , ne consolidò la potenza all’estero , contribuì alla pace di Cherasco , continuò e pose termine alla guerra dei trent’anni con la pace di Westfalia , trionfò sul Parlamento e sulla Fronda . Con la pace dei Pirenei e con la Lega del Reno estese ed accrebbe l’influenza della Francia anche sull’Impero Germanico . Concluse il matrimonio della Principessa di Niver con il Re di Polonia e dell’infanta Maria Teresa con Luigi XIV°; collocò splendidamente in famiglie illustri e nobilissime le sue nipoti e comprò da Carlo II°di Mantova i Ducati di Rethel e Nevers per Filippo Mancini  suo pronipote . Ebbe l’affetto dell’altera Anna d’Austria e l’amicizia di Cromwell , del Principe di Condè , di Turenna , del Duca d’Orleans . Egli fu protetto ed amato da Luigi XIII° , Luigi XIV° , Urbano VIII°, Innocenzo X°. Fondò la cospicua Biblioteca che porta il suo  nome , fu mecenate illustre delle lettere e delle arti durante il regno del Re Sole , che in Francia segnò il secolo d’oro della sua storia ed infine lasciò , morendo , una fortuna che venne valutata piu’ di cento milioni .
Se disparati e contradditori furono i giudizi nei confronti di Mazzarino , sono ancora piu’ disparate le notizie intorno alla sua patria : si accenna alla stirpe del Mazzarino , nel recente elogio , sparsa nel Genovese , nella Sicilia , nell’Umbria , ma non si parla del luogo dove nacque : C. Balbo lo dice “povero prete calabrese”, Amedeo Rèe insiste sulla sua origine romana come anche A. Scala nell’articolo della “Rivista Araldica del settembre 1905 . Altri autori lo fanno nascere in Liguria perché , secondo il Giustiniani , da Montaldeo derivavano i suoi antenati . Siciliano , perché suo padre venne da li’ . Gli scrittori abruzzesi che si interessarono dell’insigne uomo di stato , lo dissero nato a PESCINA nei Marsi il 14 luglio 1602 . Altri autori che lo confermano sono il Giacconio nelle “Vite dei Pontefici” e il Conte Galeazzo Priorato nella “Vita di Mazzarino” , il Corsignani in Reggia Marsicana e  A. Tari , V. Morgigni , C. Minieri-Riccio , A. Parascandolo , e Ferrarelli .

Gabriello Cherubini ha trascritto l’atto di nascita ed io stesso , per ridare “a ciascuno il suo” , ho pubblicato fin dall’anno 1886 sul giornale “Il Pallano “ di Lanciano , integralmente e per esteso l’importante documento dell’atto di Nascita di Giulio Raimondo , togliendolo dal “Libro dei Battezzati” che si trova nella Chiesa Cattedrale Marsicana , ed ho posto fine a qualunque altra discussione.   Nessun dubbio , quindi , sulla vera patria del Cardinale Mazzarino . Nel terzo centenario di così fausto avvenimento (1902), la Città di Pescina fece apporre una marmorea lapide sul fronte della casa dove Egli vide la luce , casa che noi , quale insigne monumento storico , riproducemmo , quasi trent’anni fa , nel nostro Atlante dei “Monumenti storici ed artistici dal secolo IV° al sec. XVI° . In quella circostanza il benemerito Luigi Colantoni rese noti l’atto di battesimo del Cardinale e sette lettere di Pietro padre di lui , che mostrano le relazioni cordiali tra i Mazzarino e Pescina . Anche l’arte ha recato , attraverso i secoli , il suo tributo al Cardinale Mazzarino , perpetuandone l’immagine in tele ed incisioni. Bellissimo è il ritratto di Mazzarino in piedi con Anna d’Austria seduta che decora il Museo del Louvre e che è opera di Richard Parks Bonington ( ce ne hanno concessa la pubblicazione i Fratelli Alinari).

Ma il piu’ noto dei suoi ritratti è quello che dipinse Pietro Mignard , da lui protetto e raccomandato a Luigi XIV° ed alla Corte , della quale divenne l’artista prediletto . Questo ritratto noi riproduciamo dalla incisione in rame , che ne fece Peter von Scappen nel 1661 . L’illustre Adolfo Venturi , nella illustrazione della Galleria Estense , trovò annotato che nel 1687 un certo Giuseppe , guardaroba del Mazzarino , aveva lasciato come  Testamento al Duca di Modena il ritratto e la narrazione della vita del Cardinale : Questo ritratto , attribuito al Guercino , ma che lo stesso Venturi ritiene sia una copia del Mignard , si può ancora vedere in quella Pinacoteca .

Nella Regia Galleria di Arte Antica  , a Roma , nel Gabinetto Nazionale delle Stampe , si trovano varie incisioni del cardinale , opera del Mellan , del De Poilly , del Lasne , di Chauveau : la piu’ bella ed artistica è l’incisone del Mellan . Nella Galleria Colonna esiste un magnifico ritratto di Maria Mancini , nipote  del Cardinale , opera insigne di G. Netscher che , grazie alle squisite cortesie dei Fratelli Alinari , offriamo ai lettori   . Nella Galleria di Firenze si trovano varie stampe che rappresentano il Cardinale Mazzarino e ritratti ,tolti dall’uno o dall’altro degli incisori ricordati , adornano le opere che illustrano la vita e i suoi tempi o la Storia di Francia e dell’Europa , come può vedersi nel Perkins , nel Lacroix , nell’Onken , nel Nouveau Larusse , nella Nuova Enciclopedia Italiana etc. etc. ; anche ai tempi nostri non sono mancati artisti insigni che hanno fatto del Mazzarino oggetto di quadri famosi , come Wetter e Paolo Delaroche , che lo dipinsero morente , Ravel lo dipinse nell’atto di attirare al suo partito la Duchessa di Chevreuse e il Coysevox ,che ne scolpì la tomba che adorna il Museo Nazionale del Louvre  .

cardinalegiuliomazzarino2Io mi sono rivolto ad alcuni miei amici , ora che mi sto occupando di un’opera dal titolo “Scrittori Abruzzesi”, nella quale vorrei inserire anche  immagini poco conosciute . Ho saputo pertanto dal mio amico Pietro de Nolhac , insigne studioso della Storia di Francia ed attuale conservatore del Museo di Versailles , che ivi si trovava un dipinto antico , di piccole dimensioni  attribuito al pittore Lerambert  , che rappresentava il Cardinale a mezzo busto , in un ovale  . Due ritratti del Mazzarino nel Museo Condè a Chantilly  , di cui uno dovuto al pennello del famoso pittore belga Filippo di Champagne (1602-1674), prediletto da Luigi XIII° e dal Cardinale di Richelieu . Il principe Duca d’Aumale mi ha accordato la possibilità di inserire nel mio volume due grandi e splendide fotografie : Ho il piacere di presentare come omaggio di grande affetto ai miei Abruzzi dilettissimi , per questo volume destinato a recar soccorso a tanti infelici colpiti dall’immane disastro del 13 gennaio , questi due ritratti insieme ad una lettera inedita , resa preziosa dall’autografo di Colui che fu il piu’ illustre cittadino della Marsica desolata . L’autografo appartiene alla Biblioteca Nazionale di Parigi , Collezione Baluze ed è una lettera a Gastone d’Orleans , Fratello di Luigi XIV°.

firmagiuliomazzarinoIl secondo dipinto di 2 m. x 1, 42 raffigura Mazzarino in tutta la sua persona , seduto con abito cardinalizio con lo sguardo rivolto a sinistra , nella mano sinistra ha una lettera aperta e poggia la mano destra sul bracciale della poltrona ; il fondo del quadro è magnificamente drappeggiato ……il dipinto è opera veramente bella ed artistica , assai pregevole per la naturale espressione del volto , per la morbidezza della carne , per le bellissime mani , disegnate perfettamente e ben colorite , per l’abito , per le stoffe , per i merletti ….

cardinalegiuliomazzarino3 In chiusura di questo articolo intorno al cardinale Mazzarino, mi piace riportare infine un busto in marmo , attribuito al Bernini , ma che sicuramente è opera del suo piu’ stretto collaboratore (ndt. Giovanni Canale il Piscina , suo concittadino ) . Questo busto , che vi mostriamo, lo dobbiamo alla squisita cortesia dell’illustre amico Commendator Corrado Ricci . Esso rappresenta il Mazzarino in abito cardinalizio con berretta in testa ; lo possiede il signor Domenico Scaglia che ha concesso la sua esposizione nella Mostra di Castel S. Angelo in Roma .



Leggi anche

Lascia un commento