Alberi che cadono sulle panchine e sui marciapiedi. Se ne spezza un altro in via Trieste



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano– Alberi che cadono sulle auto in sosta, in piazza tra i bambini che giocano e sui marciapiedi. E i cittadini li segnalano ormai alla stampa, sui social, in attesa che il problema venga risolto quanto più velocemente possibile. Anche perché il grosso ramo che si è spezzato a piazza Torlonia è finito su una panchina di marmo e l’ha distrutta. Cosa sarebbe accaduto se fosse caduto sulla testa di un bambino ma anche di un adulto, non è difficile immaginarlo.

L’ultima foto è stata inviata poco fa a Terre Marsicane e ritrae l’ennesimo albero che non ha retto al caldo torrido alternato alle violente piogge. E soprattutto che non ha retto alla mancata manutenzione. Questa volta siamo su via Trieste, a pochissima distanza da piazza Risorgimento e a due passi dal palazzo della diocesi dei Marsi. La stessa cosa è accaduta l’altra notte su via Corradini, dove sono dovuti intervenire i carabinieri per rilevare i danni a un’auto e a piazza Risorgimento, mentre giocavano decine di bambini e passeggiavano decine di adulti. Come più volte ricordato nella nostra inchiesta sul bando del Verde pubblico ad Avezzano, il bando per l’affidamento per la gestione della manutenzione è scaduto a settembre dello scorso anno.

Per nove anni, per circa 650mila euro l’anno lo aveva in affidamento una società di Napoli. Il Comune non ha elaborato in tempo un nuovo bando e da qualche settimana ha affidato direttamente l’incarico a una ditta del posto. Si tratta di un incarico per tre mesi. In uno scambio di mail e di corrispondenza tra il predecessore di Daniela Stati, Crescenzo Presutti, ex assessore all’Ambiente e i dirigenti del settore e il capo del gabinetto, veniva evidenziato come a primavera la situazione sarebbe potuta precipitare. Ora siamo in estate. Tiziano Zitella, in una comunicazione, aveva fatto emergere non poca preoccupazione per quello che sarebbe potuto accadere al verde della città. In effetti, quello che sta accadendo.

L’assessore Stati ha più volte rassicurato sul fatto che il tutto possibile si sta facendo. I cittadini attendono ora che la situazione torni sotto il controllo dell’amministrazione, al cento per cento, in modo che sia garantita la sicurezza dei cittadini.




Lascia un commento