Aielli, l’appello di Libert’Aria per la Palestina libera



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Aielli – L’associazione Libert’Aria ha posizionato due striscioni, con su scritto “Palestina Libera”, nei pressi della trascrizione del romanzo Fontamara di Ignazio Silone a Borgo Universo.

La scelta del luogo non è casuale, infatti l’intento è quello di rispondere alla celebre domanda di Silone “che fare?“. “Oggi abbiamo deciso di manifestare la nostra solidarietà, quella di Libert’Aria e di tutti quelli vogliono schierarsi con gli oppressi e non con gli oppressori.”, spiega un membro dell’associazione, “Ci è sembrato logico appendere lo striscione sul murales di Fontamara per rispondere a quella domanda insistente che Silone pone di continuo: “che fare?”.
Domanda che pretende una risposta, che in questo momento non può essere altro che una presa di posizione decisa e netta.
Perchè i cafoni Fontamaresi, che furono gli oppressi di allora, oggi saprebbero sicuramente da che parte stare. Non gli sarebbe appartenuto il cerchiobottismo di taluni che dicono tutto e il contrario di tutto blaterando di equidistana, hamas, ecc ecc.
Dalla Marsica a Gaza, solidarietà al popolo Palestinese senza se e senza ma!”