Aielli, in arrivo una scultura in piazza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Aielli – Viviamo anni particolarmente difficoltosi per quel che riguarda la valorizzazione della cultura umanistica e la sensibilizzazione artistica; anni in cui il potere imperante e tiranno  dell’uso, talvolta utile altre volte  demagogico, della tecnologia coinvolge pressoché tutti senza distinzioni !

Il peso di tutto fenomeno sociale ai nostri giorni  è avvertito in particolar modo dalle nuove generazioni,  poco o per nulla abituate al bello della manualità e più in generale alle piacevoli sensazioni che possono avvertirsi quando ci si ritrova davanti a una scultura in legno o a un dipinto in olio.

Proprio ad  Aielli l’amministrazione Comunale unitamente allo scultore marsicano Giancarlo Sociali, si sono proposti di realizzare un evento che riguarderà gli studenti della Scuola Secondaria di primo grado atto a sensibilizzare i giovani ragazzi all’arte e alla manualità.

L’interessante iniziativa, che avrà luogo il prossimo 10 Dicembre in occasione dei mercatini di natale ad Aielli Stazione, si è sviluppato partendo dalla scelta degli stessi studenti di un progetto scultoreo tra i tanti proposti il quale dovrà essere realizzato dallo stesso scultore Sociali, in alcuni  tronchi di legno recuperati dopo il taglio.

Molto significative sono anche le parole del Consigliere Comunale del Comune di Aielli Elisabetta Di Natale: “…L’arte è in tutti i suoi aspetti, nel nostro specifico la scultura, la rappresentazione sensoriale della nostra vita. E’ un modo per tenere il contatto con se stessi …“

Un inno alla cultura proviene anche dalle dichiarazioni dello scultore Sociali:  “ Faccio parte dell’Associazione culturale Beato Tommaso da Celano, e penso sia arrivata l’ora di investire sull’arte. Sono un appassionato e un accanito ricercatore di storia locale. Dalla mia esperienza di ricerca  ho avuto modo di ricavarne un libro e di partecipare a tanti convegni sul brigantaggio e sulla transumanza.”




Lascia un commento