AIC, D’Annunzio e i sapori abruzzesi nella Cena della Cultura nella Marsica


Avezzano – L’Accademia Italiana della Cucina, delegazione di Avezzano, “diventata grande” con la trasformazione in “Delegazione di Avezzano e della Marsica”, a testimonianza del radicamento dell’Accademia nel territorio, ha celebrato la “Cena della Cultura”, appuntamento tradizionale di inizio primavera che, con la cena Ecumenica – che si tiene in autunno e raccoglie attorno ad un ideale desco gli Accademici nel mondo – e la “ Cena degli Auguri”, a fine anno, costituisce la “Triade” annuale onorata dall’Accademia, a difesa e promozione della cucina italiana, e dei prodotti tipici dei territori, quali tesoro di cultura, storia e e tradizioni, nonché del senso più autentico del Convivio.

L’AIC, fondata nel 1953 a Milano da Orio Vergani, è stata dichiarata “Istituzione Culturale” della Repubblica Italiana. Cordialità, condivisione e calda atmosfera hanno caratterizzato la ” Cena della Cultura “, tenutasi nel ristorante “Fabbrica dei Sapori”, a Celano. Architetto della serata, il delegato Franco Santellocco Gargano che ha con orgoglio introdotto lo storico Paolo Giuliani, brillante relatore sul tema : “Sapori abruzzesi sulla tavola di Gabriele D’Annunzio”, scelto nella ricorrenza degli 80 anni dalla morte del Vate. Giuliani ha dissertato sul rapporto di D’Annunzio con la cucina e il convivio, verso cui il Vate si poneva come nella vita: da esteta, da contemplativo, raffinato e aulico, ma anche passionale e carnale. Dalla relazione dello Storico, elementi curiosi e poco noti ai più: attento salutista, raffinato gourmet e interessato alla freschezza delle materie prime, D’Annunzio alternava momenti di digiuno completo ad abbuffate compulsive, soprattutto in previsione dell’arrivo di qualche amante; era anche un attento esteta della tavola, apparecchiata con cura dei dettagli del tovagliato, e cultore dei pasti consumati in solitudine. Il Vate  aveva una certa predilezione per i prodotti della sua terra d’origine: maccheroni alla chitarra, brodetto di pesce, pecorino della Maiella, la papera muta, il salamino pepato, la porchetta, il Parrozzo e i Senza Nome tra i dolci, il vino Montepulciano e i liquori Aurum e Cerasella. Molte le citazioni ” recitate ” dallo Storico, in una lettura accattivante che ha tratteggiato un D’Annunzio ” quasi ” inedito nella enogastronomia familiare.

Fra i numerosi ospiti, Il Delegato di Atri, Antonio Moscianese Santori, che nel suo intervento ha ampliato aspetti diversi del tema dannunziano. Immancabili e apprezzati gli omaggi della Cantina del Fucino, con il suo presidente Lorenzo Savona. Il primo appuntamento solenne per gli Accademici si è concluso con alto indice di gradimento e con un arrivederci con le tante iniziative che l’AIC programma nel territorio, alla scoperta e riscoperta dei prodotti, delle tipicità enogastonomiche dei luoghi, ma anche della storia e della cultura di cui quelle tipicità sono espressione.


Invito alla lettura

Ultim'ora

L’addio a Marlon, “dal cielo continuerà ad infondere forza e coraggio”

Trasacco – Incredulità e lacrime. È il giorno del dolore a Trasacco dove, nella chiesa dei Santi Cesidio e Rufino, sono stati celebrati i funerali di Marlon Catalano, il 25enne ...


Paura per 40 scout sorpresi in montagna da una grandinata, vengono recuperati da 5 squadre dei Vigili del fuoco di Avezzano

Villavallelonga – Un gruppo di quaranta scout, ragazzi di età compresa tra i 12 e 16 anni, provenienti da Triggiano in provincia di Bari, sono ...

Coldiretti, stop pesce fresco, dal 16 agosto scatta il fermo pesca in Abruzzo

Intanto prezzi di vendita in aumento al dettaglio

Presentazione del romanzo  “Chissà dov’era casa mia” di  Cesira Sinibaldi 

Il 12 agosto, alle ore 18,00, presso la sala delle  conferenze del Centro Culturale “Moretti” di Gioia  dei Marsi (Aq) si terrà la Presentazione del ...



Lascia un commento