Aia dei Musei e quartiere sud: porta d’accesso al circuito turistico cittadino e marsicano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Un territorio ricco di testimonianze storiche, incastonato in un patrimonio naturalistico unico, destinato a essere il fulcro dello sviluppo turistico di Avezzano e della Marsica, già cuore di un piano  promosso dall’Amministrazione Di Pangrazio di concerto con enti e associazioni locali.

É la premessa da cui origina il progetto di valorizzazione dell’Aia dei Musei, due sale del quale sono state recentemente intitolate agli illustri cittadini Loreto Orlandi ed Enrico Vilsino Veri, che sarà parte fondamentale del sistema virtuoso dedicato all’incentivazione del settore turistico. Un piano che ha già mosso i primi passi, destinato a incidere profondamente sull’economia cittadina e  non solo, e che guarda lontano.

Il progetto, disegnato dal sindaco Giovanni Di Pangrazio per il  secondo quinquennio di mandato, riguarderà l’area dell’Aia dei Musei fino a piazza Cavour: il quartiere diventerà così per i visitatori la “porta della città” per le escursioni nella Marsica e sarà fornito di servizi ad hoc per l’accoglienza e i trasporti; nella progettazione, anche un biglietto di viaggio unico valido per l’intero circuito turistico marsicano.

«Puntiamo a valorizzare sempre più le nostre risorse, in chiave ecosostenibile e nel pieno rispetto
del territorio, con lo sviluppo di un turismo di qualità – ha sottolineato Giovanni Di Pangrazio – lo
faremo attraverso un programma articolato che vedrà Avezzano sempre più città di riferimento per
l’intero comprensorio marsicano, nella piena e proficua sinergia con tutti i centri che vogliono
crescere ed essere parte integrante di un circuito virtuoso, in grado di dare un formidabile impulso
all’economia».




Lascia un commento