Agenti della Forestale marsicani manifestano a Pescara per il rinnovo del contratto di lavoro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica – C’era anche un nutrito gruppo di agenti della Forestale marsicani a Pescara per le manifestazioni indette dai sindacati confederali del pubblico impiego per il rinnovo del contratto di lavoro. “Dopo Roma, Napoli e Perugia la nostra battaglia non si ferma” ha dichiarato in una nota Marco Moroni, segretario generale del Sapaf, il maggior sindacato di categoria.

“La nostra protesta – ha detto Moroni – contro la militarizzazione dei forestali e delle funzioni di polizia ambientale e agroalimentare continua imperterrita e senza cedimenti. Ci sentiamo rafforzati dalla massiccia partecipazione di personale che solidarizza e partecipa attivamente alle iniziative intraprese da tutti i sindacati del Corpo forestale per contrastare questo assurdo progetto di accorpamento all’Arma dei carabinieri”.

“Non abbiamo nulla contro l’Arma e contro i colleghi in divisa nera – precisa il leader del Sapaf -, ma vogliamo mantenere le nostre peculiarità professionali in ambito civile perché la militarizzazione significherebbe la fine della prevenzione, che in campo ambientale ha un significato determinante”.

“Se il Governo Renzi – conclude il sindacalista – non dovesse sospendere il percorso legislativo della militarizzazione, aprendo un tavolo di confronto serio e concreto con le rappresentanze del personale, siamo pronti a presentare migliaia e migliaia di ricorsi in ogni Tribunale d’Italia perché riteniamo sacrosanto salvaguardare la nostra specificità, da sempre civile, a tutela degli interessi dei cittadini e delle future generazioni”.




Lascia un commento