Affidamento concessione sorgenti di Canistro, l’assessore Campitelli replica al Sindaco Di Paolo



Abruzzo – In merito alle dichiarazioni del sindaco di Canistro effettuate sulla procedura amministrativa di affidamento della concessione delle sorgenti Sant’Antonio Sponga, si precisa quanto segue. “Ricordo al sindaco Angelo Di Paolo, che, negli enti locali vige il principio normativo di distinzione tra funzioni di indirizzo politico e di gestione.

Gli atti amministrativi di una gara pubblica, come nel caso della concessione delle sorgenti Sant’Antonio Sponga di Canistro, rientrano per legge nella seconda ipotesi, e già questo, a nostro avviso, basterebbe a mettere a nudo le capacità amministrative del primo cittadino di Canistro. Tuttavia, a seguito dell’ordinanza del Tar dell’Aquila, l’amministrazione regionale, appena avrà raccolto il parere tecnico dell’Avvocatura regionale, valuterà il percorso da intraprendere.

Sul piano politico, invece, emerge come il sindaco Di Paolo voglia solo strumentalizzare una vicenda giudiziaria a beneficio del consenso personale in vista delle prossime elezioni amministrative in autunno. Un metodo che, come spesso accade, non produce risultati positivi“. E’ la replica dell’assessore Nicola Campitelli.

Fonte: Regione Abruzzo