Ad Avezzano protestano i residenti in Via Monsignor Valerii, “è diventato il ritrovo di pregiudicati, ubriachi e tossicodipendenti”



Avezzano – Sale la protesta dei residenti del quartiere di Via Monsignor Domenico Valerii, in pieno centro cittadino, per la continua presenza di ubriachi e tossicodipendenti che ogni giorno si appostano davanti la Caritas della Diocesi di Avezzano in attesa della sua apertura.

Sono pervenute alla nostra redazione diverse segnalazioni dei cittadini della zona per schiamazzi ed episodi pericolosi.

Il nostro quartiere, dalle 9 del mattino fino alle 19 di sera, è diventato il ritrovo di pregiudicati, ubriachi e tossicodipendenti. Urlano, litigano tra loro, si picchiano e si divertono a staccare i rami degli alberi” dichiara un cittadino “in questa strada ogni giorno ci sono bottiglie di birra sul marciapiede che loro puntualmente lasciano. Molti di noi hanno preferito non sostare più con le macchine sotto la propria abitazione preferendo parcheggiarle in una zona diversa. Le Forze dell’Ordine sono venute spesso per cercare di risolvere il problema ma purtroppo questi soggetti si ripresentano sempre.”

Un altro cittadino ci confida: “La maggior parte di essi è di origine straniera ma ci sono anche dei senza tetto che si ritrovano in mezzo a loro. Abbiamo paura perfino di riprendere i secchi della spazzatura visto sono sempre ubriachi e molto probabilmente sono anche sotto l’effetto di droghe. Sono una ventina in tutto. Non indossano mascherine e/o guanti e non rispettano neanche la distanza di un metro l’uno dall’altro. Il loro comportamento sta mettendo in pericolo l’ordine e la sicurezza pubblica di un intero quartiere”. 

Un problema che non può essere sottovalutato e che deve far riflettere sulle situazioni di degrado e di disagio da sempre presenti nel territorio avezzanese e che, a seguito dell’emergenza sanitaria in corso, si sono ulteriormente accentuate portando i cittadini all’esasperazione.