Acquisto sede CAM, in tre rinviati a giudizio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Il sindaco di Cerchio, Gianfranco Tedeschi è stato rinviato a giudizio dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Avezzano con l’accusa di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio.

La vicenda risale agli anni 2006 e 2007 quando l’attuale sindaco in qualità di dirigente generale del Consorzio Acquedottistico Marsicano (CAM) aveva sottoscritto il contratto di acquisto dell’attuale sede del Consorzio senza procedere a regolare gara.

Tale acquisto, come riportato nel capo d’imputazione, secondo gli inquirenti, non rispettava i principi di economicità ed efficienza tipici della Pubblica Amministrazione. Insieme a Tedeschi sono stati rinviati a giudizio altri due imprenditori del posto. Il Cam si è costituito parte civile ed è rappresentato dall’avvocato, Luca Sanità.

Il collegio difensivo è formato dai legali Evelina Torrelli, Antonio Milo, Domenico Angeloni e Aldo Lucarelli.
Il processo si aprirà il 19 dicembre prossimo.