Acqua sporca in una bottiglia, presentata una denuncia ai carabinieri



Canistro. Questa mattina, un rappresentante delle Rsu dello stabilimento Santa Croce di Canistro ha presentato una denuncia dai carabinieri: ha trovato una bottiglia di acqua imbottigliata a giugno, con all’interno qualcosa che somiglia molto a un’alga.

“Sono andato a fare la spesa in un supermercato di Civitella Roveto”, racconta Maurizio Bisegna, rappresentante della sigla Cgil, “e all’uscita dell negozio mi hanno richiamato all’interno per farmi vedere una bottiglia che presentava delle anomalie. Si tratta di un lotto imbottigliato il 20 giugno dello scorso anno. Non so cosa sia finito nella bottiglia ma trovo molto grave una cosa del genere. Che va a discapito del consumatore”.

Bisegna ha portato la bottiglia ai carabinieri e ha presentato una denuncia.

Intanto ancora nulla si sa dell’acqua sequestrata dai militari dell’Arma all’Aquila, per cui sono stati presentati degli esposti alla procura dell’Aquila. Si tratta di bottiglie d’acqua che riportavano sul tappo un numero di lotto che corrispondeva all’imbottigliamento fatto nei giorni in cui lo stabilimento era fermo per via dello sciopero.

Non si sa nemmeno ancora che tipo di misura è stata presa nei confronti del garante dei sigilli messi sulle bottiglie dai dirigenti della Regione che poi invece sono state fatte uscire dallo stabilimento.

Nessuna notizia nemmeno da parte della Regione Abruzzo e della Regione Molise sul fatto che di fatto l’imbottigliamento va avanti in Molise, con un’etichetta il cui nome è legato indissolubilmente con quello del Comune di Canistro.



Leggi anche

Lascia un commento