Acqua maleodorante dai rubinetti della scuola, il Comune: “Falso e inopportuno allarme. Nessun pericolo”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello – E’ potabile l’acqua che sgorga dai rubinetti della scuola elementare e materna Santa Barbara. Il laboratorio analisi del CAM ha fornito questa mattina al Comune i risultati delle analisi delle acque prelevate nei giorni passati. Il referto pervenuto conferma che tutti i valori registrati dalle analisi sono nella norma.

Nel pomeriggio di mercoledì 6 alle ore 14 circa – fanno sapere dall’Amministrazione – la preside aveva contattato il Comune perché dai rubinetti sgorgava acqua maleodorante. Il primo cittadino, immediatamente intervenuto, aveva provveduto, dopo i primi accertamenti sulla potabilità dell’acqua in ingresso al serbatoio di stoccaggio, a dare disposizioni affinché venisse comunque effettuata la bonifica asettica e la sterilizzazione della rete idrica interna e del serbatoio, imponendo, in via precauzionale, il divieto di uso dell’acqua a scopi potabili. In via provvisoria, inoltre, la fornitura dell’acqua era stata effettuata con la cisterna mobile del CAM in attesa dei doverosi riscontri.

“Abbiamo seguito giorno per giorno la situazione che si era venuta a determinare – ha dichiarato il sindaco Franco Ciciotti, interpellato in queste ore sulla vicenda – e in accordo con la dirigente del plesso scolastico, sempre presente ed attenta, a cui intendo porgere i miei più sentiti ringraziamenti, si è ritenuto che non sussistessero le motivazioni per un’emergenza igienico sanitaria tali da determinare l’emanazione di un’ordinanza di chiusura. A riprova di quanto sopra, infatti, stamane abbiamo preso visione dei risultati delle analisi che confermano la correttezza delle azioni intraprese.

Resto amareggiato, però, della strumentalizzazione e della propaganda allarmistica e fuori luogo che si intende creare anche per casi che, per la loro delicatezza, richiederebbero discrezione e responsabilità da parte di tutti. Ben poteva la minoranza, prima di gridare al lupo, chiedere al sottoscritto le opportune delucidazioni, evitando in questo modo l’ingiustificato allarme pubblico. Sono posizioni poco responsabili verso i cittadini”.




Lascia un commento