Accoltella il nipote per gelosia, 28enne rischia di morire



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Sospetta una relazione tra la figlia e il nipote e alla fine di una lite lo accoltella , rischiando di ucciderlo.
Antonio Scipioni, 54 anni, di Poggio Filippo, è stato arrestato dai militari della compagnia di Tagliacozzo. Su disposizione del pm Maurizio Maria Cerrato si trova in carcere con l’accusa di tentato omicidio.

E’ accaduto questa notte, intorno alle due, nella piccola frazione di Tagliacozzo, dove l’anno scorso a giugno, Scipioni era già stato arrestato per un accoltellamento. Nel precedente episodio fu fermato dopo che aveva ferito un minorenne, poco distante da un bar, a seguito di una lite per futili motivi. Dopo la chiamata al 112 dei genitori del ragazzino, i militari agli ordini del capitano Edoardo Commandè, lo avevano fermato al centro del paese. In quell’occasione fu messo ai domiciliari, con l’accusa di lesioni personali aggravate dai futili motivi.

SCIPIONI AntonioQuesta volta il 54enne, invece, se l’è presa con il nipote. Si tratta di Nando Scipioni, 28enne, che ora è ricoverato in ospedale, ad Avezzano. Sta lottando tra la vita e la morte.
Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri del nucleo radiomobile, il ragazzo potrebbe aver avuto una relazione con la figlia di Scipioni. Una storia non condivisa dal 54enne che ieri sera ha litigato col giovane, fino ad accoltellarlo ad un fianco. Il colpo ha ferito gravemente il fegato del 28enne che è stato trasportato con urgenza al pronto soccorso dai sanitari del 118 di Tagliacozzo. Ora è ricoverato nel reparto di chirurgia.

Scipioni è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di tentato omicidio. Si trova ora in carcere.




Lascia un commento