Accende un rogo sotto casa e ne perde il controllo, multata dai vigili un’anziana



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. Un’anziana di Celano è stata multata dagli agenti della polizia locale per aver acceso un fuoco in pieno centro, mettendo anche a rischio l’incolumità dei vicini.

Erano da poco passate le venti quando un’immensa nuvola di fumo si è alzata in via Gualchiera alcuni residenti si sono preoccupati e si sono avvicinati per capire cosa stesse accadendo.

“Abbiamo avuto paura perché spesso a Celano vengono accesi fuochi, che provocano anche cattivi odori”, dice una residente, “ma questa volta oltre all’odore si sono alzate le fiamme per oltre dieci metri e c’era un’anziana con una pompa dell’acqua che tentava di spegnerle. C’erano dei bambini piccoli che abitano in quella zona che si avvicinavano e allora abbiamo iniziato a spegnere il fuoco con i secchi. Tutti sappiamo quello che è successo poco tempo fa a Lecce e stava per succedere anche a Celano”.

“Fortunatamente”, continua, “abbiamo chiamato il sindaco che ha subito allertato la polizia locale. Sappiamo che Santilli che molto attento ai temi ambientali e abbiamo confidato subito in un suo intervento che infatti è stato immediato e per questo lo ringraziamo”.

Le fiamme hanno rischiato di raggiungere le vicine abitazioni e ci sono stati minuti di paura. Mentre alcuni residenti spegnevano il fuoco con i secchi sono arrivati gli agenti della polizia locale che hanno accertato le responsabilità dell’anziana.

“Tolleranza zero verso chi con questo clima di siccità accende fuochi e a maggior ragione se questi sono addirittura di rifiuti”, commenta il primo cittadino di Celano, Settimio Santilli, “amianto e rifiuti in plastica bruciati sono delle bombe per la salute delle persone e in particolare dei bambini. Che sia questo un episodio che scoraggi atteggiamenti del genere da parte dei cittadini”.

Sul posto è stato poi richiesto l’intervento della protezione civile per la bonifica dell’area.




Lascia un commento