Abeti in Piazza Obelisco, Il Paese che Vorrei: «Giovagnorio continua a sperperare i soldi dei cittadini»



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo – “Non tutti abbiamo la sensibilità di Greta Thunberg, la ragazza che a soli 15 anni è impegnata nelle battaglie ambientaliste per salvare il pianeta dal disastro ecologico. Ma non serve quella speciale sensibilità per capire che la fine che l’amministrazione Giovagnorio ha imposto agli abeti sistemati in Piazza Obelisco in occasione delle festività natalizie rappresenta un incredibile e inaccettabile spreco ambientale ed economico.” Con queste parole i consiglieri comunali de “Il Paese che Vorrei” aprono una nota stampa in cui evidenziano quello che secondo loro è uno spreco di denaro pubblico.

Più sensato sarebbe stato ripiantarli in altro luogo – un parco pubblico, il giardino di una struttura  a valore sociale come quella della casa famiglia “dopo di noi” – una volta esaurita la loro funzione di decorazione natalizia. Si sarebbe senz’altro dato un messaggio più educativo e rispettoso verso i nostri giovani e i cittadini tutti, anche perché piantare un albero è sempre un atto che reca beneficio alla collettività e all’ambiente che ci circonda.” Continuano i consiglieri.

“Ma questi non sono temi che interessano all’amministrazione Giovagnorio, che è impegnata solo nelle attività che, tra una lucetta e una passerella pubblica, appagano il narcisismo degli amministratori. Tutti i tagliacozzani l’hanno ormai capito: questa è un’amministrazione dei proclami, degli annunci e delle passerelle incapace di produrre benefici concreti per il paese.”

Oltre ad entrare nel merito specifico della fine degli abeti, i consiglieri puntano il dito verso quello che dovrebbe essere un atteggiamento sbagliato dell’amministrazione Giovagnorio, parlando di promesse elettorali non mantenute e di meriti che gli appartengono

“Tutti ricordano le promesse fatte da Giovagnorio in campagna elettorale quando, accompagnato dall’ex presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, prometteva di far arrivare finanziamenti e investimenti. Fino a ora si sono viste solo le passerelle dei politicanti amici del sindaco, mentre i finanziamenti di cui ancora oggi Vincenzo Giovagnorio si vanta sono stati tutti ottenuti dalla precedente amministrazione Di Marco Testa, compresi i 2,5 milioni per l’edilizia scolastica. Durante il nostro mandato, noi ottenemmo dei finanziamenti per la messa a dimora di trecento piante, che provvedemmo subito a interrare.”

“Si noti la differenza con un’amministrazione che in due anni ha dato la morte a decine di alberi preziosi, per l’ossigeno che avrebbero potuto produrre e per i soldi che sono costati ai cittadini.” Concludono i consiglieri rappresentati dall’ex sindaco Maurizio Di Marco Testa