22 anni di impegno umanitario per Francesco Barone, abruzzese impegnato in una missione umanitaria nel Congo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

22 anni di impegno umanitario a favore di chi vive in condizioni di marginalità economica, psicologica e sociale. È la storia di Francesco Barone, originario di Bussi sul Tirino e attualmente impegnato in una missione umanitaria nella Repubblica Democratica del Congo e precisamente nella città di Goma. In questi giorni ha ricevuto l’ennesimo riconoscimento, per la sua attività di sostegno a favore del Centro di formazione e di recupero che ospita gli ex bambini soldato e altri giovani.

“Ci sono bambini costretti a combattere e a sparare. A uccidere. È l’ennesima vergogna di una società disattenta nei confronti di chi vive situazioni di sofferenza e miseria. Nei loro volti si legge tutto il disagio per ciò che hanno compiuto a causa di decisioni e costrizioni da parte di adulti senza scrupoli. Per queste ragioni, da diversi anni siamo impegnati ad aiutarli. Per restituire loro la speranza di vivere una vita normale, dimenticando violenze e soprusi. La schiavitù non è scomparsa. Esistono le catene invisibili, più subdole di quelle che legavano i polsi e le caviglie degli schiavi di qualche secolo fa. Ci sono milioni di bambini, vittime del lavoro minorile, delle violenze. Hanno fame e sete. Hanno bisogno di cure mediche. Bisogna credere nella pace, attraverso la convinzione di doverla praticare. Soprattutto ora che i venti di guerra continuano a minacciare il nostro pianeta“.

Sono queste le parole di Francesco Barone accompagnato in missione da Gianluigi Zauri.