Valle Roveto, i Comuni partecipano al bando per la realizzazione del Piano d’Azione del Contratto di Fiume



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Morino – Nella giornata di venerdì, i comuni di Morino, Balsorano, Canistro, Capistrello, Cappadocia, Castellafiume, Civita d’Antino, Civitella Roveto e San Vincenzo Valle Roveto, hanno completato gli adempimenti formali per partecipare al bando istituito dalla Regione Abruzzo per finanziare i così detti Piani d’Azione e i relativi progetti di fattibilità tecnico economica finalizzati all’attuazione dei Contratti di Fiume.

l Piani d’Azione hanno usualmente un orizzonte temporale ben definito. Alla scadenza dell’arco temporale previsto, si procede alla verifica dei risultati in maniera da aggiornare ed integrare la convenzione per mantenere o variare il percorso sulla base degli obiettivi prefissati.

La struttura dei Contratti di Fiume incentiva forme di partecipazione aperte e inclusive, che stimolano la condivisione delle idee, la suddivisione degli impegni e delle responsabilità, fra tutti i soggetti aderenti. Per questo, dati e informazioni sono a disposizione di tutti, come richiesto dalla direttiva 4/2003/CE circa l’accesso del pubblico all’informazione.

La direttiva 35/2003/CE disciplina invece la partecipazione del pubblico ai processi decisionali sui piani di programmazione ambientale, attraverso una pluralità di strumenti divulgativi, utilizzando al meglio il canale Web.

L’adesione al bando regionale, consentirà di avere una dotazione di 50.000 euro per lo svolgimento di tutte le attività propedeutiche all’individuazione delle priorità che gli organi statutari del Contratto di Fiume, ovvero l’Assemblea dei Sindaci, il Comitato Tecnico Scientifico e il Forum dei portatori di interessi, sono chiamati a definire.

Al latere dell’assemblea dei Sindaci, quasi in contemporanea, ha avuto luogo, presso la Riserva, Zompo dello Schioppo, un incontro fra le associazioni aderenti al Forum dei portatori di interesse, nell’ambito del quale sono state riannodate le fila di un percorso che era rallentato durante la fase acuta della pandemia. Nelle prossime settimane il Forum recepirà indicazioni e proposte che sappiano creare sinergia fra tutti gli attori in campo.