Turismo e valorizzazione del territorio, Gianluca Lioni in visita a Luco dei Marsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi. La neo sindaca Marivera De Rosa ha accolto a Luco dei Marsi Gianluca Lioni, giornalista e portavoce del ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini – nella Marsica per una visita ai siti archeologici di Alba Fucens, Lucus Angitiae e alla torre Febonio di Trasacco – insieme alla dottoressa Manuela Ceccaroni, responsabile della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo.

Nel corso dell’incontro, avvenuto nei giorni scorsi, la sindaca De Rosa, con il parroco don Giuseppe Ermili, il vicesindaco Giorgio Giovannone e un’ampia rappresentanza dell’Amministrazione, ha accompagnato il dottor Lioni nella visita al sito archeologico di Anxa-Angitia, fiore all’occhiello del centro fucense.

Al centro dell’incontro, i progetti di prosecuzione delle attività di recupero dell’antica città marsa – in gran parte, secondo gli studi, da riportare alla luce – e la realizzazione del circuito turistico, in sinergia con gli altri enti e le maggiori realtà associative dedicate alla promozione del territorio. Il progetto, incardinato sulla valorizzazione dei tesori archeologici, artistici e naturalistici della Marsica, è mirato a costituire una rete organizzata ed efficiente tra i siti archeologici, i musei, la rete dei sentieri e le aree naturalistiche, le chiese e le dimore storiche, in grado di divenire formidabile propulsore e volano dello sviluppo turistico-economico del territorio.

Il gruppo ha poi visitato la magnifica chiesa di Santa Maria delle Grazie e il centro polivalente, sede dell’auditorium, attualmente incompleto, destinato a diventare centro vivo di cultura e splendida cornice delle iniziative dedicate all’arte, alla musica, al teatro, per la valorizzazione e l’incentivazione delle realtà artistiche locali e non solo.




Lascia un commento