Tribunale, Berardinetti replica ai 5 Stelle, “Fate solo demagogia”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Lorenzo Beradinetti replica al M5S sulla presentazione degli emendamenti per il salvataggio dei tribunali, non discussi secondo il M5S in sede di approvazione del DEFR: “Per i nemici le leggi si applicano, per gli amici si interpretano, evidentemente i Consiglieri regionali Ranieri e Smargiassi hanno fatto propria questa citazione di Giolitti tanto da avere addirittura la faccia tosta da renderla pubblica. Infatti i più fermi difensori delle leggi e dei regolamenti quando si tratta di provvedimenti depositati fuori temine dagli altri gruppi consiliari non consentono nessuna deroga, quando poi, si tratta di loro emendamenti presentati con clamoroso ritardo ed in contrasto con i regolamenti cercano scappatoie e sostegno per vedere discussa una loro mozione.

Detto questo ed entrando nel merito delle questioni va detto che sugli emendamenti proposti, specie quelli che riguardano i tribunali, la Regione non ha nessuna competenza e le loro proposte erano utili solo alla loro propaganda. Voglio ricordare a Ranieri e Smargiassi – aggiunge Berardinetti – che questa problematica è stata discussa ed affrontata in un vertice convocato dal Presidente D’Alfonso a cui hanno preso parte tutti i parlamentari abruzzesi ed i sindaci delle città coinvolte. Inoltre –spiega Berardinetti- le dichiarazioni dei giorni scorsi del Vice Presidente del Csm Legnini, della Senatrice Chiavaroli e del Ministro della Giustizia Orlando hanno inquadrato perfettamente il problema e soprattutto hanno dato le vere soluzioni per scongiurare le chiusure dei tribunali minori abruzzesi o almeno parte dei essi. Mi dispiace dover evidenziare come la politica dei 5 stelle in Consiglio regionale sia soltanto quella dei proclami e volta solo ed esclusivamente ad ottenere “mi piace” sui social network.

I colleghi Ranieri e Smargiassi possono stare tranquilli: “il mio modo di intendere la politica è ben lontano dal loro, ed è improntato ad affrontare e risolvere i problemi nell’interesse esclusivo dei cittadini abruzzesi. Quanto a Ranieri, che con questo emendamento voleva testimoniare la propria esistenza politica, va detto che proprio lui, ed il suo Gruppo consiliare, non più tardi di un mese fa hanno votato contro la legge che prevedeva lo stanziamento di fondi per i lavoratori dei Centri di Ricerca CRAB, COTIR e CRIVEA, ed in altre occasioni ha votato contro provvedimenti che riguardavano il territorio marsicano come ad esempio i provvedimenti sulla linea ferroviaria Pescara-Roma.

E’ singolare l’atteggiamento secondo cui tutte le proposte provenienti dalla maggioranza vengano puntualmente bocciate e respinte dai 5 Stelle, mentre, al contrario, si chieda alla stessa maggioranza di condividere le loro proposte anche quelle meno rilevanti. Su proposte concrete sono disponibile al confronto ed a votare e sostenere provvedimenti proposti dai 5 Stelle, ad oggi va detto che i provvedimenti che Ranieri presenta sono da etichettare come “non pervenuti”.

[vc_row][vc_column][td_block_11 custom_title=”Leggi anche” post_ids=”174573″][/vc_column][/vc_row]




Lascia un commento