Trasporti moderni : una malsana abitudine di altre Regioni



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Regione – “In Abruzzo, si sa, sia la Ferrovia che l’Autostrada aumenta annualmente le  tariffe senza far corrispondere alcun miglioramento sostanziale del servizio, anzi spesso si parla di disservizi. All’affacciarsi del nuovo anno, ai salassi nazionali (Gas e Luce) si aggiungono quelli regionali. In altre regioni, però, c’è la malsana abitudine di migliorarli i trasporti, anche con nuovi Treni come il Frecciarossa”. E’ quanto dichiarano il segretario del PD di Avezzano Giovanni Ceglie ed Aurelio Cambise (PD).

“Da Febbraio un Frecciarossa collegherà Perugia a Milano, dopo aver verificato e validato la fattibilità` in un territorio montuoso Appenninico con il 50% della linea a binario unico. A proposito di binario unico anche a Potenza e  a Matera c’è un binario unico, ma hanno in funzione un Frecciarossa, che collega Taranto a Milano con cui c’è stato un boom di passeggeri. Sulla Roma –  Pescara c’è già stata la sperimentazione di un Pendolino tra il 1971 e il 1973; poi ancora nel 1976 un ETR 401 e nel 2003 un ETR 460 aveva egregiamente superato il 95% dei test”.

“Non basta, nel 2012 il solo treno dedicato alla diagnostica dell’alta velocità (300 Km/h prodigio della tecnologia italiana ed unico al mondo dedicato alle alte velocità ETR 500 Y 2 DIA.MAN.TE) è transitato tra Roma e Pescara. Al suo interno non sedili, ma laboratori in 8 carrozze trainate da locomotive. Mentre in altre regioni esiste la malsana abitudine di migliorarsi sempre, in Abruzzo sopravvive quella strana abitudine di procrastinare tutto e sempre; si procrastina anche la decisione di  continuare la sperimentazione per un Frecciarossa Pescara – Roma con fermate a Chieti – Sulmona e Avezzano che allevierebbe disagi tariffari e orari insoddisfacenti”.

“La parola d’ordine è procrastinare. Infatti ieri era assente il Ministro Del Rio al tavolo del Ministero. Neanche in piena fase di propaganda elettorale c’è qualcuno che brandisce questo argomento, forse troppo complicato; meglio parlare di vaccini si – vaccini no”.




Lascia un commento