“Ti sparo, siamo musulmani non abbiamo paura di nulla”. Minacce ai carabinieri e ai loro figli



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Carsoli – Ha minacciato i Carabinieri che lo stavano controllando ed i loro figli. Per questo motivo un macedone di 24 anni è stato rinviato a giudizio.

“Ti sparo, non ci interessa della galera siamo musulmani, non abbiamo paura di te e nemmeno di lui, sappiamo che avete dei figli”. Queste le parole che giovane avrebbe pronunciato all’indirizzo dei militari.

Il macedone, che viaggiava a bordo di una Fiat Iveco, era stato fermato ad un posto di blocco a pochi chilometri da Carsoli: per lui le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale, violenza e minacce. Lo straniero, rappresentato dagli avvocati Luca e Pasquale Motta, dovrà presentarsi il prossimo 10 aprile in Tribunale per l’inizio del processo.




Lascia un commento