Tempo molto variabile e piovoso in arrivo sulla Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Una profonda area di bassa pressione con annessa un’intensa perturbazione, accompagnata da raffiche di vento burrascose che potrebbero sfiorare i 110-120 km/h, colpirà le Isole Britanniche, la Mitteleuropa e la penisola scandinava, ove aumenta il rischio di probabilità che, lunedì 3 Ottobre, vi siano piogge torrenziali o molto copiose, dunque condizioni di spiccato maltempo che attraverseranno l’Europa centro-occidentale all’inizio della settimana che viene. La coda di tale perturbazione, ossia l’enorme virgola, la parte meno intensa della tempesta oramai divenuta nordica, manderà un impulso fresco e instabile sulle regioni di nord-ovest, parte della Francia e della Spagna.

Le correnti più fresche e instabili determineranno lo sviluppo dei temporali pomeridiani e serali nelle nostre zone interne centrali, specie sui settori occidentali, mentre i refoli di instabilità che continueranno a bersagliare l’estremo Sud apparterranno ancora ad una bassa pressione attiva sulla Grecia. La perturbazione nord-atlantica, invece, giungerà completamente ad attraversare l’Italia tra domenica e lunedì, arrivando molto indebolita ed aumentando la nuvolosità variabile già da lunedì, essa associata anche a piogge moderate e sparse sulle regioni del Nord e del Centro-Sud tirrenico. Tra mercoledì e giovedì, invece, giungerà una tregua soleggiata su tutta Italia, grazie alla temporanea espansione di un’area di alta pressione di matrice azzorriana, la quale ci interesserà anche con la sua componente nord-africana. Nel fine settimana, essa verrà indebolita e allontanata da un nucleo d’aria fredda e molto instabile dal Nord Europa, una perturbazione che potrebbe dare origine a condizioni di spiccato maltempo anche sulla Marsica, seguito da un brusco crollo delle temperature, proprio, ripeto, il prossimo week-end. Ne torneremo a parlare.

Grazie per l’attenzione



Lascia un commento