T-Red, arriva del Comune di Avezzano la direttiva: “stop agli appelli contro le sentenze del Giudice di pace”

Avezzano – “Regalo della befana (basterebbe vedere data e numero di protocollo della direttiva 6 gennaio 2021 nr. Prot. 470) da parte del sindaco Di Pangrazio alla città, il quale ha accolto in toto la richiesta di attuazione delle linee guida della delibera del consiglio comunale dell’08 giugno 2019, che dopo aver disarcionato il suo predecessore, avanzava atti di autoannullamento per le multe ancora in essere generate dal T-RED in funzione in via XX Settembre — via dei Fiori”. Lo afferma, in una nota, il consigliere di maggioranza Roberto Verdecchia.

“La richiesta di attuazione delle linee guida – continua Verdecchia – è stata sottoscritta da tutti e sedici i consiglieri di maggioranza –depositata in data 23.12.2020 con n. prot. 0071663/20 – e resa esecutiva in data 6 gennaio 2021. La vicenda, datata nel tempo, è intrisa di atti amministrativi posti in essere dall’amministrazione targata De Angelis, che fortissimamente volle l’attivazione dell’apparecchiatura denominata T-Red che turbò il sonno di molti avezzanesi e tanti cittadini della marsica che furono colpiti da multe a raffica con decurtazione dei punti alla patente di guida, sia per l’attraversamento anche con il solo giallo del semaforo in via XX Settembre — via dei Fiori, nonché per la doppia striscia ingannevole, così come è riportato in varie sentenze pronunciate da parte dei giudici di pace.

Migliaia di multe annullate da parte della Prefettura, ove avevano fatto ricorso i tanti cittadini malcapitati per il passaggio con il giallo e con la doppia striscia, e migliaia di multe annullate da vari giudici di pace di Avezzano, che spinsero gli amministratori, allora in opposizione – oggi gran parte in maggioranza – a redigere al termine del consiglio comunale dell’08.06.19 la deliberazione consigliare n. 27 che recava la mozione n. prot. 26518 del 13.05.2019, con cui si chiedeva di procedere in autotutela per l’annullamento di tutte le multe ancora non passate in giudicato, con conseguente estinzione dei giudizi per cessazione della materia del contendere con compensazione delle spese di lite. Il governo cittadino fu sfiduciato, subentrò il commissario che, nonostante le sollecitazioni esercitate in più riprese dai consiglieri Carpineta C., Verdecchia R., Di Pangrazio G, Di Berardino D., Pierleoni A., Dominici A., Babbo M. ed altri, nulla tuttavia mosse in tale ambito. Ma nessuno è stato a dormire, né da una parte e né tantomeno dall’altra”.

“L’ufficio della polizia locale, che fortissimamente volle l’installazione ed applicazione del T-RED attraverso il suo comandante, all’esito della soccombenza di centinaia di ricorsi davanti il giudice di pace – conclude il consigliere – ha inteso impugnarli personalmente. Di contro, i consiglieri di maggioranza, vista l’abnormità degli atti di appello esercitati, come ricordato nell’ultimo consiglio comunale del 30.12.2020 dai consiglieri Verdecchia R. e Babbo M. – (che con il sindaco stesso e con il consigliere Carpineta C. furono fervidi oppositori a tale situazione), hanno sollecitato il sindaco a voler esercitare la sua direttiva, che a quindici giorni dall’ufficialità è stata redatta e resa nota ufficialmente al dirigente della polizia locale in modo tale che lo stesso vi si dovrà adeguare rinunciando agli appelli proposti, previa compensazione delle spese di lite nei giudizi in corso. Il tutto sperando in tal modo di ridare serenità ai tanti malcapitati automobilisti di tutto il comprensorio marsicano”.