Successo per il maestro Danilo Murzilli all’evento benefico dello Juventus Club Urbe Bianconera a Roma



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Mercoledì 14 dicembre, presso TH Roma Carpegna Palace Domus Mariae, si è tenuto un interessante incontro per la raccolta fondi a favore dei bambini poveri del Perù. Presenti numerose personalità tra i tanti, il Cardinale Paolo De Nicolò, il Senatore Avv. Maurizio Paniz, il Dott. Francesco Del Bene della Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, l’Ambasciatore del Guatemala presso il Vaticano Alfredo Vasquez Rivera, i calciatori Peruzzi, Di Livio e Rampulla.

Tra gli ospiti anche il maestro Danilo Murzilli accompagnato da una delegazione della presidenza Argos, rappresentata dal Dr. Gianluca Guerrini e Vincenzo Ruocco. Murzilli, con la sua fisarmonica, ha eseguito brani che vanno da Johann Strauss a Gioacchino Rossini da Astor Piazzolla a Ennio Morricone. Il Maestro Murzilli ha offerto al pubblico uno splendido esempio di come la fisarmonica sia uno strumento completo, con le sonorità magiche della Bugari Evo.

Molto apprezzato il brano composto dal M° Murzilli in omaggio al Santo Padre dal titolo “Tango Bergoglio” al tal punto che l’ambasciatore del Guatemala ha chiesto al Maestro di tenere un concerto presso l’ambasciata.

Non solo l’amore per la Vecchia Signora. Questo Natale, lo Juventus Club Urbe Bianconera ha voluto realizzare l’ennesima iniziativa di beneficenza, con una serata natalizia i cui proventi sono stati destinati tutti alla Onlus “Aiutiamo la Missione”, che supporta la missione di Encanada, nelle Ande Peruviane, dove a 3 mila metri di quota si trovano 120 caserios, piccoli villaggi, che vivono in povertà estrema.

Come ogni anno, e come più volte nel corso dell’anno – sottolinea il presidente del club Mario Scolaabbiamo voluto coniugare la passione per la Juve con una iniziativa benefica. Questo perché siamo convinti che l’essere juventini si coniuga, e deve coniugarsi, con profondi valori etici e di solidarietà. Un club di tifosi non può rimanere solo un club di tifosi, se si tratta di tifosi della Juve. È chiamato ad essere qualcosa di più”.

Comunicato stampa