Sostanze stupefacenti in casa, arrestato un 20enne di Carsoli



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Carsoli – I carabinieri di Carsoli, nell’ambito di specifica attività info-investigativa finalizzata al contrasto dei reati concernenti le sostanze stupefacenti, ha attenzionato per alcuni giorni  un’abitazione ubicata in centro, in cui presumibilmente avveniva lo smercio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana ed hashish.

A seguito delle informazioni acquisite, nella nottata, notando la presenza di qualcuno all’interno dell’appartamento segnalato, i militari di servizio perlustrativo decidevano di eseguirvi una perquisizione domiciliare. Una volta entrati, i carabinieri accertavano la presenza del proprietario, un ragazzo 20enne, che si trovava in compagnia di altri due coetanei e percepivano immediatamente un forte odore aromatico che ipotizzavano potesse essere hashish, proveniente dall’interno di un mobile della cucina.

La successiva ispezione permetteva di rinvenire una busta in cellophane al cui interno erano conservati un bilancino di precisione, un involucro di carta stagnola argentata che avvolgeva un pezzo di sostanza stupefacente del tipo hashish del peso di circa gr. 40 e n. 24 involucri in carta stagnola dalla forma rettangolare, ognuno dei quali avvolgeva pezzi di sostanza stupefacente dello stesso tipo. L’estensione della perquisizione alle altre zone della casa permetteva di individuare altri involucri contenenti la medesima sostanza stupefacente per un totale di circa gr. 69 di sostanza stupefacente del tipo hashish sottoposta a sequestro.

L’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.
Adesso i carabinieri sono impegnati nella ricostruzione della rete di contatti che l’odierno indagato ha creato nella zona della Piana del Cavaliere a cui, verosimilmente, erano destinate le dosi già confezionate rinvenute all’interno della sua abitazione




Lascia un commento