Sesso in strada in via dei Fiori, protestano i residenti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Torna il sesso per strada in via dei Fiori, insorgono i residenti. “E’ ora che chi deve intervenire faccia qualcosa”, scrive un abitante del posto in una lettera diffusa alla stampa, “e si metta di fronte allo squallido via vai che si registra tutte le sere all’interno del parcheggio del Todis su via dei Fiori ad Avezzano. Assistiamo”, va avanti, “al totale menefreghismo dell’amministrazione pubblica e delle forze di sicurezza preposte al controllo del territorio”.

“Si nota ormai da molto tempo la presenza di prostitute nel parcheggio e nel campo sull’altro lato della strada, che esercitano all’interno delle auto”, sottolinea il residente, “è ancor più grave segnalare la presenza di un protettore, il cosiddetto pappone, che staziona sul fondo del parcheggio appartato da un angolo e che sinceramente visto che lo sfruttamento della prostituzione è ancora reato nessuno si è mai preoccupato di identificare, perché di tanto in tanto Polizia e vigili urbani si fermano, si fanno due chiacchiere con le signore, ma mai le hanno allontanate. Sinceramente solo una volta una macchina della Guardia di Finanza, entrata nel parcheggio per compiere una manovra, ha creato panico nelle signore intente ad esercitare e queste si sono allontanate subito a bordo delle loro auto per poi tornare dopo qualche minuto avendo capito che l’ingresso delle fiamme gialle non era mirato a loro”.

“Quello che accade sinceramente provoca disagio a noi residenti”, conclude, “che dobbiamo convivere con questa situazione, anche fare due passi dopo cena in queste serate autunnali è diventata una cosa poco piacevole e la presenza di loschi figuri non rassicurante per non parlare degli schiamazzi, delle grida e delle strombazzate notturne che gente in preda a tempeste ormonali e ai fumi del alcol spesso emette transitando in zona”.




Lascia un commento