Servizi mirati della Polizia di Stato in occasione della movida aquilana



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

L’Aquila. Nella notte la Polizia di Stato Questura di L’Aquila ha effettuato un articolato piano di contrasto a fenomeni delittuosi connessi alla movida. L’attività promossa dal Questore di L’Aquila ha visto l’impiego di pattuglie della Divisone Polizia Amministrativa, della Squadra Mobile, della Polizia Scientifica, dell’ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico nonché della Sezione Polizia Stradale di L’Aquila e dell’unità cinofili di Roma.

Nel corso del controlli sono state accertate 6 violazioni di altrettanti locali del centro storico, al regolamento comunale che impone ai gestori esercizi pubblici per la somministrazione di alimenti e bevande il divieto dopo le 24 di diffondere musica ad un volume tale da poter essere percepito dall’esterno del locale stesso, al fine di non disturbare la quiete pubblica. Inoltre, è stata anche accertata da parte di un unico locale del centro storico la violazione all’obbligo di chiusura alle 02 del mattino.

Per quanto riguarda il contrasto alla vendita di droga nei luoghi della movida, la Squadra Mobile, d’intesta con la dottoressa Roberta D’Avolio, sostituto procuratore di turno, è stato arrestato un giovane ventiduenne aquilano perché trovato in possesso di circa 45 grammi di hashish e di tutto il necessario per confezionamento.

Infine sul versante della lotta alla guida in stato di ebbrezza è stata ritirata la patente ad un trentaduenne pugliese, al voltante di un veicolo, perché trovato con un tasso di alcool nel sangue superiore ai valori consentiti.




Lascia un commento