Scuola, dalla Pezzopane appello al Ministro Fedeli: “L’Abruzzo non può sostenere il taglio docenti”


Regione. “L’Abruzzo non può sostenere il taglio degli organici previsto per l’anno scolastico 2017-2018 che, come hanno denunciato tutte insieme le organizzazioni sindacali, impoverirà di ulteriori 69 docenti gli istituti di una regione duramente colpita dagli eventi sismici e delle calamità naturali. Mi appello alla ministra dell’Istruzione Fedeli e le chiedo di rivedere con urgenza questa misura. Siamo ancora in tempo, basta rimettere i 69 posti nell’organico non consolidato, aggiungendoli ai 242 individuati”. Lo dice la senatrice del Pd Stefania Pezzopane che sottolinea come sia “necessario un confronto con i sindacati. Nei prossimi giorni depositerò un’interrogazione parlamentare”.

“Tutte le organizzazioni sindacali – spiega Pezzopane – hanno scritto alla ministra dell’Istruzione per evidenziare come un ulteriore taglio degli organici e del personale Ata sia insostenibile da parte di istituti scolastici che hanno dovuto fronteggiare in questi anni emergenze e difficoltà dovute a ripetuti eventi sismici, anche gravissimi. Tutti conosciamo la sensibilità della ministra e per questo chiedo un immediato confronto su questa grave ipotesi di taglio.

L’organizzazione scolastica e il normale funzionamento dei plessi sono stati complicatati dalla necessità di garantire il diritto all’istruzione anche nel disastroso contesto degli effetti del terremoto del 2009, cui si è aggiunto l’impatto delle più recenti calamità. Non si può ignorare che tutto questo si è calato su un’edilizia scolastica abruzzese particolarmente povera e che le risorse economiche a disposizione degli Enti locali sono esigue.

I sindacati avevano già evidenziato questa situazione in precedenti missive, proprio per non arrivare a questo punto: la tabella dell’Organico 2017/2018 prevede, nonostante tutte le segnalazioni, un taglio di 69 posti. E’ impensabile proseguire con la politica dei tagli in una regione in cui le problematiche dell’istruzione di sono aggravate e in cui sarebbe invece necessario incrementare il personale, anche quello Ata.

Peraltro anche le disposizioni del decreto 205/2016, che hanno permesso agli Uffici scolastici regionali l’attivazione di contratti a tempo determinato, vanno estese a tutte le scuole, e non solo a quelle che hanno edifici dichiarati inagibili. E’ necessario infatti superare criteri rigidi e valutare le reali condizioni degli istituti, in relazione all’organizzazione effettiva del tempo scuola. Problemi seri – conclude Pezzopane – su cui intendo portare in ogni modo l’attenzione dovuta”.


Invito alla lettura

Ultim'ora

Nonno Pietro compie 100 anni

Canistro – Canistro in festa per i 100 anni di nonno Pietro. “Oggi – fanno sapere dall’Amministrazione Comunale – abbiamo festeggiato il nostro concittadino Pietro Iafolla che ha raggiunto il ...


Recuperati poco fa i corpi dei due alpinisti deceduti sul gran Sasso

Sono stati recuperati pochi minuti fa da parte del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese i corpi di due alpinisti precipitati sul Gran Sasso. Si tratta ...

L’Abruzzo a Terra Madre in ricordo di quattro grandi pilastri del mondo rurale e della pastorizia

Il Gal Gran Sasso Velino e Marsica annunciano il “Premio nazionale della Pastorizia”, in memoria di Gregorio Rotolo, Giulio Petronio, Pierluigi Imperiale e Giovanni Cialone. L’Abruzzo ...

Addio alla maestra Simona, aveva solo 50anni

Avezzano – Cordoglio ad Avezzano per la prematura scomparsa della maestra Simona Scivola strappata agli affetti e all’insegnamento a soli 50 anni. Molto amata dai ...

Sabato sera con botte da orbi ad Avezzano centro, interviene la polizia

Avezzano – Tornano le risse ad Avezzano centro. Ieri sera, dopo l’una , si è svolta una rissa su via Garibaldi. A causarla sembrerebbe essere ...



Lascia un commento