Santa Croce, i lavoratori di nuovo ai cancelli. L’azienda è chiusa



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

bisegnaCanistro. Anche questa mattina nessuno ha aperto i cancelli. Hanno suonato al citofono ma l’azienda è chiusa, nessuno risponde e l’imprenditore Camillo Colella a quanto pare non ha nessuna intenzione di arrivare a Canistro per riaccogliere gli operai all’interno dello stabile.

Anche questa mattina i circa 75 lavoratori della Santa Croce, l’azienda che imbottiglia acqua minerale a Canistro, si sono presentati alo stabilimento ma per loro, come venerdì scorso, di “Lavoro” non è rimasto nulla.

All’interno ci sono circa sei milioni di bottiglie di acqua sequestrate con un provvedimento amministrativo della Regione (il valore si aggira intorno ai 4/5mila euro) mentre i rubinetti da cui viene erogata l’acqua sono stati sequestrati con un ordine di natura penale da parte della procura di Avezzano.

Il lavoro all’interno dello stabile di fatto non c’è. Come a quanto pare non ci sia più nemmeno il diritto al lavoro di 75 persone che intanto aspettano di sapere quale sarà il loro destino.

santa1 santa2




Lascia un commento