Protezione civile comunale: aumenta l’apparecchiatura in dotazione al gruppo dei soccorsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – La protezione civile comunale potenzia l’apparecchiatura radio in dotazione. Nella strumentazione è stata infatti acquisita una nuova antenna radio, grazie a un donatore che ha voluto mantenere l’anonimato. Il nuovo apparecchio permetterà di estendere il campo d’azione e sarà utile sia nelle eventuali condizioni di emergenza per la cittadinanza che nell’ordinaria amministrazione; infatti, come disposto dal sindaco Giovanni Di Pangrazio con il delegato, il consigliere Gianfranco Gallese, si darà luogo ad un più costante scambio tra la protezione civile e il corpo della polizia locale, a maggior tutela della sicurezza dei cittadini.

Il gruppo – annoverato nell’élite del soccorso regionale, la ristretta cerchia di associazioni abruzzesi in linea con i requisiti stabiliti dalla delibera di giunta regionale n. 140 del 3/3/14 e che per questo aveva ottenuto un potenziamento del parco mezzi a disposizione – è un fiore all’occhiello dell’amministrazione Di Pangrazio. Le innumerevoli attività svolte negli ultimi quattro anni hanno consolidato la grande professionalità acquisita dai volontari e certificato il salto di qualità per la protezione civile cittadina.

L’amministrazione pone massima attenzione nei riguardi del nucleo, presidio fondamentale per la sicurezza del territorio: nel corso dell’ultimo biennio, è stato approntato il “Piano di Emergenza Comunale”, con particolare riguardo all’individuazione di 23 aree di attesa, più due aree di emergenza da utilizzare anche per la sosta di mezzi e il montaggio di tende, nelle quali all’occorrenza i cittadini potranno essere al sicuro e in cui i soccorsi potranno accedere e operare facilmente, cui ha fatto seguito l’installazione di apposita cartellonistica per permettere una rapida individuazione delle aree stesse, e un’opportuna campagna d’informazione rivolta alla cittadinanza.




Lascia un commento