“Pescina con gli Alpini” è il progetto di una palestra di roccia



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina – Ci sono  legami indissolubili,  quello che lega il territorio pescinese all’arma degli Alpini è di certo il più evidente.

Il progetto presentato , nella conferenza stampa indetta dal Comune di Pescina , ha sottolineato la fattiva collaborazione tra la popolazione e il Corpo degli Alpini.

Presenti , il Primo Cittadino Stefano Iulianella, il consigliere regionale Maurizio Di Nicola– presidente della prima commissione bilancio-, il  Comandante del ‘9 Reggimento Alpini di L’Aquila  Col. Marco Iovinelli, il Colonnello Piccirilli che ha curato gli aspetti organizzativi dell’evento ed inoltre i rappresentanti delle associazioni nazionali degli alpini di Venere e Pescina.

La città di Pescina è molto legata agli Alpini, e per questo ha voluto dedicare la palestra di roccia al 9° reggimento di L’Aquila  e a tutti gli uomini e le donne che indossano la divisa e il cappello con la penna  che ogni giorno difendono l’Italia e i valori della Nazione e della libertà.  “ E’ un’attestazione di stima e di affetto – dichiara il Sindaco Iulianella–  L’iniziativa è  nata circa due anni fa proprio dall’esigenza delle squadre di “roccia” degli Alpini. E’ stata da loro individuata la parete di roccia che si trova in località “Costa delle cerase”,  in quanto si prestava  alla realizzazione dell’arrampicata,  prevedendo  tre vie di sviluppo in verticale.  Proposta al Comando,  ne  ha dato l’assenso. L’amministrazione ha avviato una forma di collaborazione e oggi ,con soddisfazione,  annuncio l’imminente inaugurazione. Ho dato il mio impegno che collaboreremo  ancora insieme per  ampliare ciò che abbiamo già organizzato. E’  nostro intendimento realizzare  future attività di roccia sul  territorio.”

Il Consigliere Regionale Maurizio Di Nicola  ha evidenziato che  la presenza a Pescina dei militari del corpo degli Alpini per la convinzione  e la dedizione profuso  nel  loro lavoro sarà il viatico  migliore  per far funzionare quanto è stato realizzato.  “La presenza delle associazioni nazionali degli alpini , qui quelle di  Venere e di Pescina,   è la testimonianza che non muoiono mai , a dimostrare che le persone che hanno militato in questo corpo mantengono la dedizione verso gli altri, verso il sociale, verso quella solidarietà che è permanente. Il “Progetto Pescina con gli Alpini” serve a questa comunità perché verrà reso fruibile anche agli appassionati della montagna, una ricchezza in più per il territorio costruita da questa collaborazione.   E’ una presenza quella degli alpini che si rafforza nell’Abruzzo,  e  aiuta a trasmettere all’esterno il messaggio dell’ identità della nostra Regione.”

Maurizio Di Nicola ha aggiunto che  la necessità  di collocare in  una giusta dimensione turistica l’Abruzzo, affinché  venga percepito in modo nitido,  è stata una delle priorità del Presidente regionale Luciano d’Alfonso.  Non solo terra di pastori o  di transumanza, ma regione del verde con i suoi Parchi, con le sue ospitali coste, le tante ricchezze del territorio e le sue montagne.  “Per questo bisogna considerare l’importanza  di avere  il  Corpo degli Alpini, che con la montagna ha un legame particolare e ci aiuta a trasmettere anche quest’amore attraverso la sua presenza, la sua  azione e la sua comunicazione.” continua Di Nicola “ “L’identità del nostro popolo è  la dimostrazione che l’Abruzzo  è una terra che non ha paura del dolore del lavoro, come diceva Flaiano,  e produce risultati. Questa iniziativa piccola che sia nella sua realizzazione economica,  ha un grande significato simbolico per la comunità di Pescina e per l’intera Regione. “

Ha preso poi la parola il  Comandante del  9° Reggimento Alpini di L’Aquila  Col. Marco Iovinelli . “Porto il saluto di uomini e donne che attualmente sono in attività. Per noi questo sito di addestramento è molto importante perché è la realizzazione di una attività avviata qualche hanno fa da un mio predecessore, il Col. Iacobucci. La collaborazione tra il Comune di Pescina e il 9° reggimento Alpini di L’Aquila ci permette di fare un addestramento alpinistico vicino la nostra sede. Per noi è importante che questa palestra, con  tre vie di diversa difficoltà, possa essere  aperta a tutti coloro che vorranno cimentarsi nella attività alpinistica. Sono certo che questa azione sarà proficua e che continuerà la totale collaborazione tra il nostro reggimento  e il popolo di Pescina.

Il nome delle vie Parisse, Anselmi , Fracassi è identificativo degli istruttori che le hanno aperte.

Il M.llo Giovanni  Parisse, istruttore e direttore tecnico dei corsi sci e dei corsi roccia presso il 9° reggimento Alpini di L’Aquila, ha precisato che il progetto nasce appunto dalla esigenza di avere una palestra di arrampicata  vicino la sede,  dove  poter sviluppare tutte le attività alpinistiche particolari della specialità. “Proprio per la necessità  di aprire nuove vie di arrampicata abbiamo cercato una parete rocciosa che potesse essere adeguata,  per l’addestramento non solo militare ma anche  per interventi di soccorso.   Abbiamo individuato l’area di Venere,  la zona presenta porzioni di montagna  di roccia falesia e ha uno sviluppo verticale di notevole importanza. L’abbiamo resa fruibile grazie all’aiuto della Amministrazione comunale,  anche per coloro che vogliono cimentarsi. Va ricordato che l’arrampicata è uno sport impegnativo e pericoloso, pertanto  chiunque si inoltra in parete deve sapere cosa fare, proprio perché considerato sport estremo.”

La via è stata ripulita e poi inchiodata. Compatibilmente agli impegni  è  già in embrione il progetto  di aprire  altre vie ferrate, in  modo che le truppe possano  addestrarsi con un numero  maggiore del personale.

Alla base della parete sarà collocata  una bacheca  nella quale si potrà visionare la foto della roccia con le indicazioni delle vie tracciate, la lunghezza,  il dislivello, e inoltre saranno menzionati  una serie di articoli di Legge che enunciano che ogni turista, o sportivo che si cimenterà nella scalata,  lo farà a proprio rischio e pericolo.

Nell’atrio del Comune è stata realizzata una emozionante esposizione dei cimeli delle due guerre mondiali combattute  dalle truppe degli alpini. Il materiale storico è stato  fornito dal  luogotenente Pietro Alfano.

La cerimonia dell’inaugurazione si svolgerà  venerdì 21 ottobre alle ore 11, ai piedi della roccia sita in Venere in località “Costa delle cerase”.

palestra-di-arrampicata-descrizione




Lascia un commento