Per la tutela dei diritti delle Bambine e delle Ragazze, future donne, gentili versi di Maria Assunta Oddi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Solo attivando una mobilitazione politica e sociale nella difesa della dignità delle Bambine e delle Ragazze, sarà possibile eliminare la violenza contro le donne future a favore dell’uguaglianza di genere.

La Promozione di una cultura dell’infanzia e dell’adolescenza basata sul principio dell’uguaglianza e fratellanza sarà tanto più efficace quanto più gli esperti preposti ai sistemi educativi, sapranno fare breccia nelle loro giovani menti. A tutti coloro che considerano inferiori tutti quelli che appartengono al sesso femminile, a prescindere dall’età anagrafica e dal contributo nel progresso umano presente e futuro, ricordo la frase del grande fisico Albert Einstein: “Noi rivolgiamo un appello come esseri umani: ricordate la vostra umanità e dimenticate il resto”.

Ad esaltare la bellezza etica e morale di ogni fanciulla nel mondo i semplici versi di Maria Assunta Oddi: innocente gioia immersa nel profumo della primavera.

Olezzo di lavanda.

Resta della fanciulla memoria

Il ricordo della paura

Dei giochi ribelli d’audacia

Sul greto in fondo alla valle

Dove germoglia azzurognola

La chiara lavanda.

I piedi scalzi feriti

Dai ciottoli correvano inquieti

A cogliere la bellezza odorosa di quei fiori

Rari di brughiera.

Mentre la lieve brezza

Della stagione nuova

Portava all’orecchio festosi belati

Di greggi al pascolo sul fresco maggese

Stringevo fiera tra le mani quel mazzolino

Trofeo effimero che come la mia giovinezza

Sfidava nella risalita

Il vento tremulo dei marsi monti

Impigliato tra i capelli.