Passaggio del testimone da Ascoli ad Avezzano per il raduno 4° raggruppamento Centrosud



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, ha ricevuto la “stecca”, ovvero il passaggio del testimone, dal suo omologo di Ascoli Piceno, Guido Castelli,al termine dell’Adunata del 4° Raggruppamento dell’Associazione Nazionale Alpini (Ana) del Centro Sud, che si è tenuto con successo nella cittadina marchigiana.

unnamed-7Al Raduno era presente anche una folta rappresentanza di alpini della Marsica, in quanto il prossimo anno, la stessa manifestazione, si terrà ad Avezzano il 2 e il 3 settembre 2017.
Il sindaco Di Pangrazio ha sfilato con la fascia tricolore assieme ai colleghi della provincia ascolana, con i quali ha condiviso il progetto per la realizzazione di un impianto sportivo ad Arquata del Tronto, Comune colpito dal devastante terremoto del 24 agosto scorso.

Cinquemila penne nere hanno sfilato per le strade di Ascoli Piceno e ciò significa che Avezzano e la Marsica, sin d’ora, dovranno organizzarsi efficacemente per accogliere in maniera ottimale le migliaia di persone che confluiranno il prossimo anno nel nostro territorio. Ad Ascoli Piceno era presente anche il vescovo mons. Giovanni D’Ercole, originario della Marsica, quindi si è compiuto una specie di gemellaggio tra i due centri.

“Ricevere la “stecca” – ha dichiarato il sindaco Di Pangrazio – ha rappresentato per me e per l’amministrazione comunale che rappresento, un impegno di responsabilità enorme. Noi marsicani sappiamo affrontare con coraggio e spirito di corpo ogni momento storico importante, perciò non ci faremo trovare impreparati e sicuramente avremo modo di organizzare un grande raduno degli alpini, in un territorio che ha saputo dare alla Patria, durante i due conflitti mondiali e anche adesso in occasione delle missioni di Pace, uomini valorosi che hanno contribuito e contribuiscono all’affermazione della libertà, della democrazia, della giustizia nel nostro Paese”.




Lascia un commento